Tired depressed female african scrub nurse wears face mask blue uniform gloves sits on hospital floor. Exhausted sad black doctor feels burnout stress of corona virus frontline protection pray at work

Infermiere in fuga da Bologna: “Città inaccessibile, metà stipendio via per l’affitto”

10 mesi ago

I sindacati di categoria infermieristica, negli ultimi giorni, hanno lanciato l’allarme carenza personale all’interno dell’AUSL del territorio bolognese. Negli ultimi 3 mesi sarebbero, infatti, ben 96 le cessazioni di rapporto di personale sanitario con l’azienda stessa che non sono state sostituite, costringendo il personale in servizio a raddoppiare turni e ad effettuare straordinari su straordinari.

Sulla questione è intervenuto anche Antonio de Palma, presidente Nursing Up, che aveva espresso una preoccupazione crescente per questo fenomeno che rischia di far sprofondare una sanità già in evidente difficoltà. La Repubblica è riuscita ad intervistare un collega che era in servizio all’AUSL Bologna e che ha deciso di dimettersi dal tempo indeterminato per cercare una soluzione lavorativa in un’altra città che gli permettesse quantomeno di vivere.

Raffale ha poco meno di 30 anni, campano, come dicevamo si è licenziato dal tempo indeterminato non per ritornare al Sud, ma per trovare una condizione di lavoro quanto meno adeguata per arrivare a fine mese. Oggi lavora a Cesena. “Dopo 3 anni di lavoro come infermiere all’Ospedale Maggiore, in un reparto di eccellenza come quello di Ortopedia, mi sono dimesso e ora lavoro a Cesena. Ci sono grossi problemi oggi a lavorare in questa città. Ho cambiato 4 stanze in 3 anni e, nonostante ciò, metà dello stipendio andava via per l’affitto. Per non considerare poi le varie utenze e il costo della vita. Ad oggi la città è invivibile. A Cesena qualcosa riesco a metterla da parte”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.