gestione e lo smaltimento dei rifiuti taglienti

4 mesi ago

La gestione e lo smaltimento dei rifiuti taglienti rappresentano un aspetto cruciale nella pratica sanitaria. Questi rifiuti includono aghi, lame chirurgiche e altri materiali che possono perforare la pelle e rappresentare un rischio per la salute e l’ambiente.

Ecco alcune linee guida importanti per la gestione sicura dei rifiuti taglienti:

  1. Smaltimento immediato: Gli operatori sanitari dovrebbero smaltire correttamente i rifiuti taglienti immediatamente in contenitori appositi. Questi contenitori devono essere a prova di puntura e posizionati in modo accessibile nei punti di cura per facilitare lo smaltimento tempestivo.
  2. Differenziazione: I rifiuti taglienti dovrebbero essere suddivisi in due categorie:
    • Rifiuti taglienti identificati con i codici C.E.R. 180103 o 180202**: Questi rifiuti sono considerati pericolosi a rischio infettivo e devono seguire il regime giuridico previsto per i rifiuti pericolosi.
    • Rifiuti taglienti inutilizzati identificati con 180101 o 180201: Questi rifiuti sono considerati rifiuti sanitari non pericolosi e devono seguire il regime giuridico previsto per i rifiuti speciali non pericolosi.
  3. Sicurezza: Le strutture sanitarie devono gestire i rifiuti taglienti secondo criteri di sicurezza. Questo include l’utilizzo di contenitori adeguati, formazione del personale e procedure di smaltimento corrette.

La corretta gestione dei rifiuti taglienti è essenziale per prevenire infezioni e garantire la sicurezza di pazienti e operatori sanitari

Lascia un commento

Your email address will not be published.