Messina: Infermieri usati come OSS, rigettati i ricorsi dell’AO

La Corte d’Appello di Messina ha rigettato i ricorsi presentati dall’Azienda Ospedaliera Papardo di Messina contro le numerose e diverse sentenze a favore del personale infermieristico costretto a svolgere attività lavorative quotidiane non proprie del profilo professionale e, quindi, demansionanti.

Il segretario regionale del sindacato UIL è rimasto molto soddisfatto della vittoria e del rigetto del ricorso e, in una nota, ha affermato: “Queste straordinarie sentenze oltre a valorizzare sempre di più la professionalità dell’Infermiere, condanna ancora una volta l’azienda Ospedaliera Papardo, a risarcire il personale infermieristico ricorrente, per il danno alla professione per anni subito.

Questa è una vittoria storica, che rende giustizia al personale Infermieristico, che per tantissimo tempo è stato costretto a causa di mancanza in organico del personale OSS, a svolgere attività tecnico alberghiere, riconosciute demansionanti anche dalla Corte D’appello di Messina.

La Uil-Fpl, a seguito di tale sentenza, invita il personale Infermieristico di tutte le aziende sanitarie di Messina, che a oggi, non hanno mai presentato ricorso, ad avvalersi della Uil-Fpl, attraverso i rappresentanti sindacali aziendali, per avviare le procedure giudiziarie assistiti gratuitamente dall’avvocato Oreste Puglisi, legale della UILFPL di Messina”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

non perdere

Infermieri demansionati a Foggia: dovranno essere risarciti

E’ arrivata un’altra storica sentenza per quanto riguarda il demansionamento