Hamas: uccisi in 200 tra medici e infermieri

Sarebbero oltre 200 gli operatori sanitari tra cui medici e infermieri che sono stati uccisi nei bombardamenti alle strutture ospedaliere dall’inizio della guerra, ossia dal 7 ottobre.

Come vi avevamo descritto qualche giorno fa gli ospedali sarebbero ormai al collasso e il personale allo stremo, colpiti nel numero ma anche nell’animo. Sarebbero oltre 25 gli ospedali e oltre 50 i centri medici messi fuori uso dai bombardamenti.

La guerra con tutto ciò che si porta dietro e quella che diventerà anche una crisi sanitaria, se non lo è già, a causa della chiusura della centrale elettrica a Gaza. E, così, la maggior parte dei macchinari, monitor multiparametrici che dovrebbero garantire un monitoraggio dei pazienti presso le terapie intensive e le dialisi rischiano di saltare, provocando ancor più morti di quanti non ce ne siano già.

Immagine ANSA

Lascia un commento

Your email address will not be published.

non perdere

Infermieri demansionati a Foggia: dovranno essere risarciti

E’ arrivata un’altra storica sentenza per quanto riguarda il demansionamento