Image default
Notizie Varie

14 mila Infermieri pronti a lasciare il SSN nel 2024

Sono oltre 14 mila gli Infermieri pronti a lasciare il Sistema Sanitario Nazionale nel 2024 per il raggiungimento dei requisiti pensionistici. Numero che va a sommarsi alla già carenza cronica di personale e che creerà ulteriori importanti buchi all’interno delle Unità Operative e dei servizi ospedalieri.

Tutto ciò mette a rischio il PNRR. Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad una vera e propria fuga di infermieri dal SSN verso altri paesi in cui tale figura viene riconosciuta in tutti i sensi e non solo economicamente.

Nursing Up si affida alle affermazioni del Presidente, Antonio de Palma, che ha analizzato la situazione attuale in un comunicato stampa: “vogliamo vedere fatti, esordisce De Palma, è questo il momento. L’obiettivo delle nostre azioni di lotta è quello di sollecitare, attraverso i Governi locali, le aziende sanitarie a rivedere radicalmente il proprio modus operandi, che continua a essere decisamente lontano dalle nostre auspicate e legittime istanze, correndo il rischio di fomentare fughe all’estero e dimissioni volontarie, sempre più a discapito della qualità della tutela della salute della collettività. 

Infatti, la nefasta ipotesi della riduzione delle aliquote di rendimento dei contributi versati tra il 1981 e il 1995, rappresenta una vera e propria punizione che il personale attualmente in servizio nella sanità pubblica non merita, con una perdita stimabile tra il 5% e il 25% dell’assegno pensionistico annuale. Un infermiere o un’ostetrica potrebbero, solo per esempio, vedersi decurtata la già magra pensione, passando in men che non si dica da 1400/1500 euro mensili a 1100/1200. 

Siamo di fronte a una norma che riteniamo incostituzionale, e che in queste ultime settimane, esordisce Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up, ha suscitato le legittime e accese proteste dei professionisti della salute. Il nostro centralino è diventato e continua a essere bollente, a causa delle continue richieste di informazioni da parte di nostri iscritti che vogliono vederci chiaro su decurtazioni che rischiano di essere l’ennesimo colpo di mannaia.

Infermieri, Ostetriche, tutti vogliono fuggire, lasciare le strutture sanitarie pubbliche prima possibile!

Molti, temendo di perdere gran parte della loro futura pensione, ci chiedono quali sono le pratiche per abbandonare il SSN sin dal prossimo anno, e  dedicarsi alla libera professione. 

Allo stato, sono almeno 14mila gli infermieri, e circa 500 le ostetriche che si preparano a lasciare il SSN nel 2024 per raggiungimento dei requisiti pensionistici, ai quali si aggiungono almeno ulteriori 4mila unità, che hanno manifestato la loro intenzione di passare dalla dipendenza alla libera professione, lasciando il lavoro anticipatamente. 

Come si può dargli torto, prosegue De Palma, si sentono traditi dalle scelte del Governo, e non hanno più fiducia. Certo è che in simili condizioni è sempre di più a serio rischio sia l’ Assistenza Territoriale che l’intero progetto PNRR. Per questa ragione, anche se abbiamo accolto positivamente le rassicurazioni giunte da parte del Sottosegretario Durigon, andremo avanti con le annunciate mobilitazioni, proprio in attesa che le promesse si trasformino in concreta realtà, possibilmente senza tirar fuori dal cappello soluzioni pasticciate  che nessuno accetterebbe.

Attraverso lo strumento delle manifestazioni, dei sit in e dei flash mob, agiremo su 2 leve: la prima è quella di rendere plastico il malcontento dei professionisti agli occhi della politica, alla quale arriverà, anche attraverso i media, lo stato del reale malcontento negli ospedali e nelle strutture sanitarie .

La seconda leva, mira al coinvolgimento diretto delle istituzioni locali e della cittadinanza. Infatti, con le nostre mobilitazioni territoriali, attiveremo un percorso di sinergia tra più istituzioni regionali e centrali. Nella sostanza, ad ogni mobilitazione regionale daremo impulso alle nostre contestazioni, chiedendo ai Prefetti di agire, in qualità di rappresentanti del Governo, sui governi regionali, sulla Presidenza del Consiglio e sul Comitato di Settore, per ottenere risposte chiare e precise alle nostre richieste di valorizzazione delle professionalità infermieristiche e di quelle ex legge 43/2006, dice ancora De Palma.

Tuttavia, nelle ultime ore, è emersa all’orizzonte una nuova ipotesi che, se confermata, sarebbe una vera e propria iattura: decurtazioni per chi decide di andare in pensione anticipatamente.

In parole povere se da una parte i professionisti della salute potrebbero sorridere al pensiero di non veder depauperati anni di lavoro con i possibili tagli alle pensioni, dall’altra potrebbero essere messe in atto nuove limitazioni,  punitive per chi decide di anticipare il momento della propria pensione.

Insomma, potrebbe profilarsi un’ nuovo e tempestoso capitolo di questa storia rocambolesca, sulla veridicità del quale attendiamo ancora lumi“, chiosa De Palma.

Potrebbe interessarti anche:

Infermieri italiani sempre più stanchi, avviliti e infelici

Redazione Infermieritalia

Studentessa di Infermieristica apre l’anno accademico di Humanitas

Redazione Infermieritalia

Infermieri per voi: crescono le prestazioni censite

Redazione Infermieritalia

Leave a Comment