L’allarme GIMBE: “Sanità pubblica verso il baratro”

E’ la Fondazione Gimbe, tramite le parole del suo Presidente, Nino Cartabellotta, a lanciare l’allarme sulla sanità pubblica a pochi giorni dall’approvazione della NADEF. Dall’analisi condotta da GIMBE è emerso che la spesa sanitaria nel 2022 è aumentata ma a fronte di una riduzione dei termini percentuali del PIL. E, la prospettiva futura, non è per niente rosea.

Ad una spesa sanitaria maggiore si affiancherà una riduzione sempre più importante del PIL. Il rapporto spesa sanitaria/Pil  precipita dal 6,6% del 2023 al 6,2% nel 2024 e nel 2025, e poi ancora al 6,1% nel 2026.

Come dichiarato dallo stesso Cartabellotta al Nursind: “È del tutto evidente che l’irrisorio aumento della spesa sanitaria di € 4.238 milioni (+1,1%) nel triennio 2024-2026 non basterà a coprire nemmeno l’aumento dei prezzi, sia per l’erosione dovuta all’inflazione, sia perché l’indice dei prezzi del settore sanitario è superiore all’indice generale di quelli al consumo. I numeri della NaDEF 2023 certificano che, in linea con i Governi degli ultimi 15 anni, la sanità pubblica non rappresenta affatto una priorità politica neppure per l’attuale Esecutivo.

Se a parole la NaDef 2023 afferma l’intenzione di stanziare risorse per il rilancio del personale sanitario nel prossimo triennio i numeri non lasciano intravedere affatto i fondi necessari, ma viceversa documentano segnali di definanziamento della sanità pubblica ancor più evidenti di quelli del Def 2023, le cui stime previsionali sulla spesa sanitaria sono state riviste al ribasso. Oggi la grave crisi di sostenibilità del Ssn non garantisce più alla popolazione equità di accesso alle prestazioni sanitarie con pesanti conseguenze sulla salute delle persone e sull’aumento della spesa privata.

A fronte di questo scenario, le stime Nadef 2023 spingono la sanità pubblica sull’orlo del baratro. Scivolando, lentamente ma inesorabilmente, da un Servizio sanitario nazionale basato sulla tutela di un diritto costituzionale, a 21 sistemi sanitari regionali basati sulle regole del libero mercato. E, ignorando, rispetto ad altri Paesi, che lo stato di salute e benessere della popolazione condiziona la crescita del Pil: perché chi è malato non produce, non consuma e, spesso, limita anche l’attività lavorativa dei propri familiari“.

Lascia un commento

Your email address will not be published.