Notizie Varie

Cassazione: rifiuto d’atti d’ufficio se il medico non ascolta l’infermiere sulle condizioni del pz

Il medico non può ignorare la segnalazione dell’infermiere, assolutamente competente in materia secondo i giudici della Cassazione, riferita alle condizioni di un paziente con la motivazione che l’infermiere “non ha le competenze” per valutare la situazione.

La Cassazione (sentenza 12806/2021, sesta Sezione penale) ha condannato per rifiuto di atti d’ufficio un medico che alla segnalazione prima di un infermiere, poi di altri due, sulla necessità di una sua visita a un paziente di 87 anni – poi deceduto – ricoverato al reparto di cardiologia invasiva ha risposto negando le competenze dell’infermiere sul caso specifico.

Secondo la Cassazione invece l’infermiere le competenze le ha e il medico non le può ignorare.

I giudici hanno precisato che, in linea generale, non ci sono dubbi sul fatto che il sanitario, a fronte di una richiesta di controllo conservi un margine di discrezionalità nel decidere sull’indifferibile necessità del suo intervento. Una discrezionalità di tipo tecnico, delimitata dalle regole della scienza medica e dall’eventuale presenza di discipline specifiche, anche di rango secondario, come possono essere i protocolli operativi e anche le disposizioni di natura amministrativa, oltre che consentita nei limiti della ragionevolezza.

Ma la Cassazione sottolinea che queste sono enunciazioni di principio.

Quando a richiedere l’intervento del medico sono gli infermieri, figure professionali tecnicamente qualificate, il primo ha «un preciso obbligo di procedere immediatamente a vistare il paziente».

Se non lo fa, scatta il reato di rifiuto di atti d’ufficio. E questo anche se, successivamente, le condizioni del malato – in questo caso deceduto – non si rivelano gravi e non abbia corso un pericolo concreto per l’omissione del sanitario.

A escludere il reato poi, non può essere secondo la Cassazione il fatto che il paziente sia assistito dal personale infermieristico, incaricato di monitorarne le condizioni e la valutazione del sanitario sia fondata su dati clinici e strumentali.

Unica giustificazione, per il medico, è l’essere impegnato in un’assistenza altrettanto urgente.

Ma la Cassazione non ha riscontrato questa evenienza in nessun atto processuale e ha considerato l’atteggiamento del medico un “generico interessamento” non “sorretto da valide ragioni scientifiche non indifferibile, al punto, cioè, che l’eventuale visita, a fronte del vantaggio costituito dalla diretta verifica della situazione clinica del malato, avrebbe però comportato la perdita di tempo prezioso per l’apprestamento di cure per lui salvifiche o, per lo meno, migliorative del suo stato di salute”.

Secondo la Cassazione “il medico non può ignorare la segnalazione dell’infermiere, assolutamente competente in materia” riferendosi alle condizioni di un paziente con la motivazione che l’infermiere “non ha le competenze” per valutare la situazione.

“Del resto secondo la Cassazione – sintomatici di quale sia stato l’atteggiamento tenuto dal ricorrente nella complessiva vicenda si rivelano due suoi comportamenti, descritti in sentenza e non smentiti: la risposta resa all’infermiere in occasione della nuova sollecitazione ed il fatto che, solo quando la situazione si è aggravata, ed altro sanitario, al quale gli infermieri si sono rivolti, ha disposto il trasferimento del malato in terapia intensiva coronarica, egli si è presentato”.

Quindi la Corte conclude che “il reato, pertanto, sussiste e l’imputato ne è colpevole”.

A QUESTO LINK LA SENTENZA

Tratto dal sito istituzionale FNOPI

Related posts

Consulta Giovani Infermieri: partito a Torino l'incontro

V2793

Ricerca Infermieristica: Università dell'Insubria premiata con 2 PhD

V2793

Infermiere e medico dell'ASL BT aggrediti a capodanno: l'esposto in procura

V2793

Leave a Comment