Notizie Varie

Requisiti e formazione per infermieri di elisoccorso

In Italia la figura di infermiere dell’elisoccorso sta assumendo sempre più importanza per cui molti cercano di saperne di più sui requisiti e sulla formazione.  I requisiti sono stabiliti dall’Accordo 281 del 2005. L’esperienza in area critica e la formazione i punti più importanti.
Esperienza e formazione costante. Si potrebbero riassumere in questo modo i requisiti fondamentali per partecipare ai concorsi infermieri di Elisoccorso. A stabilirli è l’Accordo, ai sensi dell’art. 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, recante “Linee guida per l’organizzazione dei servizi di soccorso sanitario con elicottero”, il vero e proprio vademecum per il mondo dell’Elisoccorso nel nostro Paese. Il documento stabilisce, in primo luogo, che l’equipe di un’eliambulanza deve essere composta da un medico (preferibilmente anestesista rianimatore), un infermiere e altre unità in funzione delle necessità operative. In altre parole, l’equipaggio dell’elicottero.

I concorsi

Un infermiere che voglia approcciarsi al mondo dell’Elisoccorso deve aver prestato servizio (l’esperienza minima viene fissata nell’ambito dei concorsi su base regionale) presso Unità di terapia intensiva, Pronto soccorso, Sale operatorie d’urgenza o Servizi di emergenza 118. Un requisito, questo, mirato a garantire una conoscenza approfondita nel trattamento di pazienti critici. Con questa formula si definiscono i pazienti che presentano una o più alterazioni d’organo che necessitano una correzione in tempi più o meno brevi per evitare un peggioramento clinico che potrebbe degenerare fino all’arresto cardio-respiratorio. È necessario, inoltre, frequentare un apposito corso di formazione all’elisoccorso, gestito da una delle Centrali Operative Regionali.

Formazione

La formazione è necessaria a conferire all’infermiere una serie di conoscenze fondamentali per operare nel mondo dell’Elisoccorso. Nel dettaglio, l’Accordo 281 parla di:

  1. protocolli di trattamento dei pazienti;
  2. gestione della maxi emergenza ed organizzazione del triage e del PMA;
  3. impiego del Glasgow Coma Scale e del Trauma Score;
  4. protocolli di indagine clinica e di controllo di qualità del servizio;
  5. protocolli di collaborazione con altre strutture intra-extra ospedaliere;
  6. protocolli operativi del team;
  7. utilizzo delle tecnologie di telecomunicazione;
  8. aspetti normativi e legislativi dell’Elisoccorso;
  9. aspetti aeronautici dell’elicottero;
  10. materiali, attrezzature, equipaggiamento individuale;
  11. intervento in ambiente impervio/ostile e tecniche di sbarco/imbarco;
  12. missioni in situazioni ambientali ostili complesse e/o a rischio.

I corsi di formazione avanzata

Una delle soluzioni migliori per infermieri che desiderano affacciarsi al mondo HEMS sono i corsi di formazione. Nel Lazio, da oltre tre anni l’Università La Sapienza di Roma, l’Ares 118 e Elitaliana organizzano un corso avanzato articolato in sei giornate nella base di Fonte di Papa. Si tratta di un percorso didattico di 60 ore articolato su due fine settimana che prevede una serie di moduli che vanno dalla fase teorica alla prova di stabilizzazione del paziente in volo, effettuata direttamente sull’elicottero con il simulatore paziente SimMan 3G. Sempre a Fonte di Papa, recentemente, sono arrivati cinquanta infermieri di prima linea da tutta Italia, per una visita-lezione sugli interventi HEMS.

L’aggiornamento: requisito fondamentale

Le conoscenze, insomma, vanno da quelle strettamente mediche a quelle che riguardano la struttura dell’elicottero e le operazioni correlate al mezzo. La formazione, però, non si esaurisce nel corso preliminare. L’Accordo 281, infatti, dispone l’obbligatorietà di seminari di aggiornamento periodico, rivolti sia al personale sanitario dell’aeromobile che a medici e infermieri. L’attività formativa deve prevedere corsi pratici e teorici. Della sua esperienza nel mondo dell’Elisoccorso ha parlato ad Elinews Cinzia Vanzo, infermiera Hems dell’Ares 118 della Regione Lazio.
 
 
 
Fonte: Mysalute.biz

Related posts

ASL Bat: agitazione e sit in per gli Infermieri con il contratto in scadenza a Dicembre

V2793

Ivrea, scippate 2 Infermiere nel parcheggio dell'Ospedale: chiesta vigilanza

V2793

SIMIT: “Fuori dalla Cina pochi casi di Coronavirus autoctoni”

V2793

8 comments

annalisa Gennaio 23, 2016 at 15:32

Salve, per avere più notizie su questo corso e per partecipare a chi dovremmo rivolgerci?

Reply
Cristina Aprile 29, 2016 at 23:04

Sono un infermiera di pronto soccorso 118 sarei interessata ad un corso hems! Vorrei sapere quando inizia ed altre informazioni utili!

Reply
N2912 Aprile 30, 2016 at 20:22

nel caso troviamo qualche corso di questo tipo lo pubblicheremo sul sito e sulla pagina Facebook al momento non abbiamo informazioni a riguardo

Reply
Milly Aprile 30, 2016 at 11:10

Come posso contattarvi..?

Reply
N2912 Aprile 30, 2016 at 20:21

potete contattarci tramite la pagina facebook

Reply
Patrizia Maggio 1, 2016 at 22:56

Patmobile@ hotmail.it

Reply
Rosanna Agosto 23, 2016 at 11:35

Salve vorrei informazioni sul corso

Reply
Angela Podda Marzo 11, 2017 at 01:00

Buonasera! Sarei interessata al corso.

Reply

Leave a Comment