Infermiera presa a pugni a Castellammare: condannato aggressore a 3 anni e 6 mesi

4 settimane ago

E’ stata una delle aggressioni più violente dell’anno in corso ed, in un certo senso, ha rappresentato uno spartiacque affinché le istituzioni prendessero dei provvedimenti seri a riguardo.

Parliamo dell’Infermiera del Pronto Soccorso di Castellammare di Stabia, violentemente aggredita da un parente di un paziente ricoverato con calci e pugni in pieno volto. Da allora le Istituzioni italiane si sono mobilitate e, infatti, ad Aprile è arrivata la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della procedibilità d’ufficio nel caso di aggressioni al personale sanitario.

L’aggressore, inizialmente, avrebbe dichiarato di non essere colpevole e di non aver colpito in nessun modo l’infermiera ma, proprio in questi giorni, si è concluso il processo in primo grado nel quale l’aggressore ha patteggiato una pena di tre anni e mezzo per lesioni gravissime nei confronti di una infermiera.

La sorella dell’uomo che strattonò l’infermiera, partecipando attivamente all’aggressione, invece, ha patteggiato una pena di due anni, con sospensione della pena.

Lascia un commento

Your email address will not be published.