FNOPI a Exposanità 24: focus su competenze professionali

Il prossimo mese, precisamente dal 17 al 19 aprile 2024 a Bologna Fiere, si terrà Exposanità 2024, dedicata all’importanza delle risorse umane e sulla valorizzazione delle competenze come strumento chiave per assicurare qualità e tenuta del SSN. Ecco il comunicato stampa FNOPI:

Il titolo scelto da quest’anno da Exposanità ‘Ci sta a cuore chi cura’ – ha commentato l’evento la presidente FNOPI, Barbara Mangiacavalli – racchiude le più importanti tematiche che la FNOPI affronta, giorno dopo giorno, nel suo lavoro di tutela e valorizzazione del lavoro dei professionisti – in particolare degli infermieri e delle infermiere – nel Servizio Sanitario Nazionale. Temi come la valorizzazione del personale infermieristico, la necessità di lavorare su
competenze sostenendo i percorsi professionali, la retribuzione, i nuovi modelli di prossimità e l’evoluzione digitale della tecnologia sanitaria sono nodi da sciogliere, insieme, per garantire ai cittadini la tenuta del SSN e un alto livello di assistenza
”.

“A Bologna vogliamo esserci, contribuire al dibattito e ringraziamo l’organizzazione per aver messo al centro il tema delle persone. L’analisi che stiamo facendo come FNOPI riguarda il bisogno di salute dei cittadini che è totalmente cambiato. Andiamo incontro a lunghe stagioni assistenziali in cui alla fragilità si associa la vulnerabilità, e se cambia il bisogno di salute dei cittadini, noi dobbiamo cambiare gli standard organizzativi che fino a poco prima del Covid erano incentrati sugli ospedali e non sul territorio. Il Dm 77 ridisegna la sanità del territorio in una chiave multidisciplinare. In questo contesto, la neonata figura dell’infermiere di famiglia e di comunità, per noi, è un attivatore di rete perché non agisce da sola. Serve dunque riadeguare gli standard organizzativi, investendo sulle specializzazioni.

Da tempo diciamo che bisogna investire sulle competenze. In questa logica, da un lato, dobbiamo rivedere i modelli organizzativi, ma dall’altro serve lavorare per attrarre i giovani verso la professione. C’è molto da investire sulle tante competenze che gli infermieri hanno e che chiediamo di farle esercitare e sul territorio questo può avvenire”.

L’appuntamento è quindi fissato per aprile quando il mondo della sanità e quello della farmacia si incontreranno per fare il punto su criticità, sfide e obiettivi da raggiungere.

Tutte le informazioni, su programma, espositori e convegni sono sul sito della manifestazione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

non perdere

Si presentano in 280 ma i posti sono 338: flop concorso FVG

Erano oltre 600 gli iscritti al concorso per l’assunzione di