2 mesi ago

L’ipotermia è una condizione in cui la temperatura corporea scende al di sotto dei 35°C. Ciò può essere reversibile e recuperabile, ma se non trattato adeguatamente, può progredire fino all’assideramento, quando la temperatura corporea scende addirittura ai 24-26°C1.

Ecco alcuni punti chiave riguardanti l’assistenza al paziente ipotermico:

  1. Riconoscimento precoce: Riconoscere tempestivamente i segni di ipotermia, come brividi, pelle fredda, debolezza e confusione.
  2. Riscaldamento graduale: Il riscaldamento deve avvenire gradualmente per evitare shock termici.
  3. Monitoraggio costante: Verificare frequentemente la temperatura corporea del paziente e monitorare segni vitali come la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.
  4. Riscaldamento interno: In caso di ipotermia moderata o grave, si può considerare il ricorso a lavaggi gastrici o vescicali con liquidi scaldati a 40°C. In situazioni estreme, il riscaldamento attraverso la circolazione extracorporea può essere preso in considerazione.
  5. Prevenzione: Evitare l’esposizione prolungata al freddo, indossare abiti adeguati e mantenere un ambiente caldo sono misure preventive importanti.
  6. Mortalità: L’ipotermia può portare a un alto tasso di mortalità, quindi l’assistenza tempestiva e appropriata è fondamentale per migliorare gli esiti del paziente.

Ricorda che l’ipotermia può verificarsi anche a temperature relativamente moderate, quindi è importante prestare attenzione e agire prontamente per garantire il benessere del paziente

Lascia un commento

Your email address will not be published.

non perdere

Si presentano in 280 ma i posti sono 338: flop concorso FVG

Erano oltre 600 gli iscritti al concorso per l’assunzione di