Image default
Notizie Varie

OPI Rovigo torna nelle scuole per far conoscere l’infermiere

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell’OPI di Rovigo in merito all’incontro tenutosi nel Liceo De Amicis di Rovigo per far conoscere agli studenti la figura professionale dell’infermiere.

Sabato 3 febbraio l’Ordine delle Professioni Infermieristiche provinciale ha incontrato gli studenti del quinto anno dell’Istituto Professionale “Marco Polo”, inserito all’interno dell’Istituto “De Amicis” di Rovigo. La collaborazione tra l’Ente e la scuola, consolidata ormai da anni, ha lo scopo di far conoscere la professione infermieristica agli studenti dell’ultimo anno dell’indirizzo “Servizi per la sanità e l’Assistenza Sociale”.

In rappresentanza dell’OPI sono intervenuti la segretaria Marta Zanin e il consigliere Damiano Chinaglia, accompagnati da Irene Carraro, giovane infermiera laureata con lode, che ha raccontato la propria esperienza formativa e professionale, rispondendo alle curiosità dei ragazzi. Il consigliere Chinaglia e la segretaria Zanin, invece, hanno presentato la figura dell’infermiere illustrando i riferimenti normativi, il percorso universitario e i possibili ambiti occupazionali.

Questa esperienza – commenta Chinaglia – è stata gratificante, perché si è creata interattività con la classe e gli studenti hanno dimostrato consapevolezza dell’empatia e della responsabilità richieste all’infermiere”.

Prosegue Zanin: “Ringraziamo l’Istituto, perché da anni ci dà la possibilità di parlare della professione, dando agli studenti un’importante occasione di orientamento per il futuro lavorativo. La grave carenza di infermieri deve essere uno stimolo anche per il nostro Ordine a favorire iniziative così importanti e cruciali”.

Chinaglia e Zanin ricordano che gli Stati Generali, recentemente promossi dalla Federazione Nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche, hanno indicato gli incontri negli istituti scolastici come strategia fondamentale per la promozione della professione infermieristica.

Concludono, infatti, i rappresentanti OPI: “Entrare nelle scuole è fondamentale per stimolare l’interesse nei confronti dell’infermieristica e aumentare l’attrattività della nostra professione, soprattutto nei ragazzi che si stanno avvicinando alla scelta del percorso universitario”.

Potrebbe interessarti anche:

Santobono: madre e figlia aggrediscono infermieri

Redazione Infermieritalia

PNRR: “Senza infermieri non c’è sanità territoriale”

Redazione Infermieritalia

Infermieri: “ridurci a numeri banalizza il nostro lavoro”

Redazione Infermieritalia

Leave a Comment