Riunita a Roma la Consulta dei formatori dei CdL in Infermieristica

Si è tenuta venerdì 10 novembre a Roma, al Centro Congressi Cavour, la Consulta dei formatori corsi di laurea in infermieristica, infermieristica pediatrica e corsi di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche.

Un momento importante, interno alla Federazione, per condividere lo stato dell’arte sulle tematiche fondamentali collegate agli scenari attuali e a quelli futuri della formazione infermieristica accademica, e alla governance, docenti e tutorato, della formazione. Focus della giornata è stato la condivisione dei lavori in atto in merito alla definizione dei percorsi di Laurea Magistrale a indirizzo clinico.

La Consulta sta portando avanti un lavoro importante” ha dichiarato nei saluti iniziali la Presidente Mangiacavalli “in cui crediamo molto, in cui la Federazione ha investito risorse: in qualità di ente sussidiario dello Stato abbiamo la necessità di portare avanti istanze istituzionali che siano coerenti con i tempi che viviamo per garantire alla nostra professione un’attrattività lungo tutto il suo percorso a partire proprio dalla formazione. Il 2024 sarà infatti un anno cardine per l’evoluzione della formazione triennale e magistrale”.

Oltre 110 partecipanti, in presenza e online, tra cui professori, ricercatori, direttori/coordinatori dei corsi di laurea in infermieristica dei corsi di laurea in infermieristica pediatrica e dei corsi di laurea magistrale in scienze infermieristiche e ostetriche hanno seguito i lavori della giornata.

L’apertura dei lavori è stata affidata a Beatrice Mazzoleni, Segretaria Nazionale, che ha fatto un punto sulla situazione attuale dei trend dei fabbisogni e dell’offerta formativa delle lauree triennali e magistrali e degli scenari attuali e futuri della formazione infermieristica universitaria, anche alla luce del contesto attuale.

Il tavolo di lavoro, coordinato dal Consigliere Nazionale Giancarlo Cicolini e dal componente della Commissione d’Albo Infermieri Daniel Pedrotti, ha fatto prima il punto sul progetto di revisione del piano di studio del corso di laurea in infermieristica, a cura della FNOPI e della Commissione Nazionale dei corsi di laurea in infermieristica, con l’intervento del professor Valerio Dimonte e poi un approfondimento condotto dalla professoressa Annamaria Bagnasco sulla proposta di Laurea magistrale in cure primarie e infermieristica di famiglia e comunità.

Le colleghe Laura Barbotto, Presidente della Commissione d’Albo Infermieri Pediatrici, e la componente Immacolata Dall’Oglio hanno poi illustrato la proposta sul Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche nelle cure pediatriche e neonatali.

Altri ambiti di sviluppo e lavoro sono quelli presentati dal professore Loreto Lancia sul Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche nelle cure intensive e nell’emergenza e dalla professoressa Laura Rasero, per il corso in scienze infermieristiche nelle cure cliniche specialistiche di area medica.

Il potenziamento dei percorsi di studio con un’alta specificità clinica e maggiori competenze decisionali e operative sono elementi ricorrenti e trasversali in tutte le proposte presentate dai diversi gruppi di lavoro e discusse oggi: leadership, capacità manageriali e gestionali sono qualità fondamentali per affrontare la sanità contemporanea e le aspettative dei cittadini, ancor di più in un momento di contrazione del personale sanitario.

Nel pomeriggio si è invece affrontato il tema della governance, docenti e tutorato, della formazione professionalizzante e disciplinare. Il tavolo di lavoro è stato introdotto e coordinato dalla componente della Commissione d’Albo Infermieri Teresa Rea e dal Consigliere nazionale Massimiliano Sciretti. Il Dott. Daniel Pedrotti in apertura ha condiviso una interessante survey con punti di debolezza e punti di forza dei corsi di laurea, alert e opportunità da tenere bene in considerazione: dalle problematiche strutturali all’organizzazione dei tirocini sino ai riscontri delle competenze apprezzate in fase di prove finali.

Il primo intervento è stato poi affidato alla professoressa Luisa Saiani, in continuità, sul consolidamento della governance infermieristica dei corsi di laurea e delle attività professionalizzanti, con una nota finale da segnalare sul sovraffollamento delle sedi di tirocinio e un problema generale di riduzione delle opportunità formative per gli studenti.

In chiusura la prorettrice Rosaria Alvaro ha illustrato la situazione in Italia dello sviluppo accademico della disciplina e dei docenti universitari.

Tratto dal sito Istituzionale FNOPI

Lascia un commento

Your email address will not be published.

non perdere

L’immagine sociale dell’infermiere nei servizi territoriali

Sul sito istituzionale l’Infermiere Online – FNOPI è disponibile una