Image default
Notizie Varie

Revisione taglio pensioni: saranno inclusi anche gli Infermieri

Dopo le denunce dei giorni scorsi e le mobilitazioni degli infermieri in tutta Italia, con lo sciopero nazionale proclamato per il 17 Novembre 2023, sembrerebbe esserci stato un dietrofront relativo alla revisione della norma relativa al taglio delle pensioni.

La norma, contenuta nella Legge di Bilancio, aveva suscitato non poche polemiche nel mondo sanitario, agitando gli addetti ai lavori tant’è che, nei giorni scorsi, era arrivata una prima revisione per quanto riguardava il taglio ai dirigenti medici. Nei prossimi giorni dovrebbe essere estesa anche agli infermieri e alle ostetriche.

Il presidente del sindacato infermieristico Nursing Up, Antonio De Palma, è intervenuto sulla questione, dichiarandosi soddisfatto del dietrofront e delle rassicurazioni che sono state pubblicate dal Sottosegretario del Lavoro, Claudio Durigon. In un comunicato stampa, De Palma, ha affermato: “mentre, da una parte, le legittime istanze degli infermieri italiani si stanno tramutando, proprio in questi giorni, come è giusto che sia, in mobilitazioni di protesta, da Nord a Sud, per raccontare alla collettività i disagi dei professionisti dell’assistenza giunti ad un reale punto di non ritorno, dall’altra parte le reiterate contestazioni e richieste del Nursing Up alla politica fanno finalmente breccia.

Accogliamo, infatti, in queste ore, le rassicurazioni ufficiali che ci sono giunte da parte del Capo Segreteria del Sottosegretario al Lavoro Durigon, che in un breve ma proficuo colloquio tenutosi ieri mattina, ha reso nota la posizione del Sotto Segretario  Durigon sulla possibile revisione dell’Art. 33 della bozza di Legge di Bilancio».

Ci riferiamo al paventato taglio delle pensioni, il cui ipotetico ripensamento da parte del Governo, fin qui, dal tenore dei proclami ai quali tutti abbiamo assistito, è sembrato solo e pericolosamente ad appannaggio della dirigenza medica.

Non possiamo che essere soddisfatti di quanto è emerso dal confronto, continua De Palma, durante il quale il nostro autorevole interlocutore, una volta informato della nostra intenzione di acuire ulteriormente la lotta sindacale organizzando altre manifestazioni in tutta Italia, parlando a nome del Sottosegretario al Lavoro, ha voluto rassicurarci sul fatto che gli infermieri e gli altri professionisti che non fanno capo alla professione medica, godono della piena considerazione da parte dell’Esecutivo.

Sembrano finalmente aprirsi spiragli, nella comprensione che non è possibile vessare e colpire gli stessi e le ostetriche, correndo il rischio concreto di fomentare fughe all’estero, dimissioni volontarie e pensionamenti anticipati, a discapito della già delicata qualità dei servizi  sanitari offerti alla collettività.

Diamo atto che si tratta di una importante apertura. D’altronde era proprio questo il nostro obiettivo, il senso profondo delle azioni di protesta e delle manifestazioni che Nursing Up  sta portando avanti da alcuni giorni nelle regioni italiane, doglianze evidentemente giunte a destino, che hanno sensibilizzato l’Esecutivo. 

Ora, attendiamo di vedere trasformate “in fatti concreti” le rassicurazioni ricevute, ha chiosato De Palma. Nel  frattempo abbiamo scelto di non fermare le  nostre mobilitazioni, in attesa che le promesse e gli impegni verbali della politica si traducano in realtà, e che si proceda con l’esclusione da noi richiesta, delle categorie sanitarie che rappresentiamo, da quelle destinatarie dell’art. 33  della bozza di legge di bilancio 2024».

Detto questo, il leader del Nursing Up, rivolgendo le proprie riflessioni al conflitto in essere in Medio Oriente, ed alla grave situazione ivi creatasi, si è unito alla posizione ufficiale di plauso, espressa da AMSI (Associazione Medici di origine Straniera in Italia), in relazione alle decisioni assunte dal  Ministro della Difesa Crosetto, che ha pensato di inviare la nave ospedale vulcano, per dare sollievo ed assistenza alle popolazioni martoriate nei territori oggetto di conflitto .

Plaudiamo ad un’Italia che, in questo modo, si pone in prima fila per  fare un’operazione umanitaria in quell’area. Gli infermieri del Nursing Up sono pronti a dare ogni possibile apporto, qualora richiesto. Confidiamo che il nostro esempio venga seguito da altri“, ha concluso De Palma.

Potrebbe interessarti anche:

Infermieri italiani sempre più stanchi, avviliti e infelici

Redazione Infermieritalia

Studentessa di Infermieristica apre l’anno accademico di Humanitas

Redazione Infermieritalia

Infermieri per voi: crescono le prestazioni censite

Redazione Infermieritalia

Leave a Comment