Image default
Notizie Varie

Basta aggressioni e minacce: gli Infermieri e i medici scendono in piazza

Giovedì 28 Settembre 2023 medici e infermieri dei Pronto Soccorso di Napoli e provincia hanno deciso di scendere in piazza, affiancati dal sindacato CGIL, per dire basta alle aggressioni e alle violenze che quotidianamente si trovano ad affrontare sul luogo di lavoro. L’iniziativa è nata proprio per difendere i diritti degli operatori della sanità costretti a subire minacce e aggressioni fisiche e verbali. I medici e gli Infermieri scenderanno in piazza con una fascia nera al braccio in segno di lutto.

La CGIL ha, infatti, spiegato da cosa nasce la fascia e tutto ciò che riguarda la manifestazione con un comunicato stampa riportato anche da Fanpage, nel quale si legge: “Turni massacranti, carenza di personale e problemi di sicurezza hanno reso il lavoro in questi reparti un autentico incubo. La FP CGIL Napoli ha indetto una giornata di protesta che si svolgerà dalle 8 alle 16 con presidi di protesta davanti ai Pronto Soccorso di importanti strutture ospedaliere.

Durante questa giornata, la FP CGIL chiederà ai lavoratori di indossare una fascia nera al braccio, simbolo di lutto e della negazione del diritto costituzionale alla salute. In Campania, in particolare nell’area metropolitana di Napoli, sembra essere caduto in un silenzio inquietante riguardo alle criticità dei servizi di emergenza e urgenza ospedaliera e territoriale.

È come se i problemi fossero improvvisamente spariti. Ma la realtà è ben diversa, e questa situazione sta mettendo a dura prova la tenuta del Servizio Sanitario Nazionale pubblico, gratuito, equo e solidale. Il tessuto sociale è sottoposto a tensioni crescenti, poiché un diritto fondamentale come l’assistenza in emergenza e urgenza sembra essere a rischio“.

Potrebbe interessarti anche:

Santobono: madre e figlia aggrediscono infermieri

Redazione Infermieritalia

PNRR: “Senza infermieri non c’è sanità territoriale”

Redazione Infermieritalia

Infermieri: “ridurci a numeri banalizza il nostro lavoro”

Redazione Infermieritalia

Leave a Comment