Procedure

Cevec: il Catetere Venoso Centrale d’emergenza

Il CEVEC è un catetere venoso centrale che permette al personale formato di essere inserito in pochi minuti ed in semplici passi per poter permettere di somministrare farmaci d’emergenza in sicurezza. 

Il progetto è iniziato con visite e interviste presso il centro di soccorso marittimo e il servizio dell’emergenza urgenza. Durante un’intervista con un medico di emergenza, ho imparato che posizionare un catetere durante le emergenze può essere piuttosto impegnativo. In particolare, l’ambiente e le condizioni imprevedibili pongono diversi problemi. Pertanto, i medici raramente li usano in caso di emergenza. Un catetere venoso centrale (CVC) è un catetere che viene inserito in una grande vena del paziente. Poiché il corpo risponde molto velocemente ai farmaci somministrati dai cateteri venosi centrali, questo tipo di cateterizzazione potrebbe essere un “salvavita” durante le emergenze – specialmente se altri metodi sono inapplicabili.

Il sistema è composto da tre parti: la porta, la siringa e il catetere. I componenti devono essere assemblati durante la cateterizzazione. I passaggi sono i seguenti:

  • Attaccare la porta nel punto di foratura desiderato. L’apertura in alto mostra la traccia dell’ago. Il cerotto sterile e adesivo sul fondo della porta mantiene pulita la posizione sotto la porta e impedisce la contaminazione del sito.
  • Fai avanzare la siringa attraverso il tunnel. Una volta che il sangue entra nella siringa, l’ago è in vena. Ora la siringa può essere ritirata. Mentre si tira indietro, la punta dell’adattatore e il coperchio dell’adattatore si collegano alla porta. La guaina guida che ha coperto l’ago rimane all’interno del vaso.
  • Far avanzare il catetere attraverso il manicotto di guida estensibile, che funge da cannula. Dopo aver terminato, il catetere può essere collegato all’adattatore nella parte superiore della porta con un tappino a vite.

Cevec è un sistema di cateterismo che può essere applicato in sicurezza durante le emergenze. In tal modo riduce al minimo i passaggi necessari che garantiscono un’applicazione veloce. Per ridurre il numero di strumenti a soli tre anziché più di sei, ho combinato funzioni della tecnica Seldinger. A questo proposito, la differenza più significativa è che Cevec utilizza un manicotto di guida elastico invece di un filo guida. Non è necessario un singolo passaggio per introdurre questa parte: è già inserito nella vena perforando con l’ago. L’attrezzatura altamente distinguibile garantisce anche una chiara comprensione del processo, che rende il sistema facile da usare per il personale non addestrato. La porta presenta l’angolo consigliato di 40 °, che funge da linea guida. Tuttavia, il silicone flessibile consente la regolazione se necessario. Il tunnel scorrevole della porta consente all’ago di entrare nella pelle nel punto desiderato, anche in ambienti instabili (ad esempio in mare).

Questo progetto fornisce una descrizione di come i processi medici salvavita potrebbero essere modificati e ulteriormente sviluppati per condizioni estreme. Questo tipo di processo di progettazione può anche migliorare gli standard attuali: durante una delle mie ultime visite di ricerca, un medico d’urgenza ha confermato che gli piaceva l’applicazione di adesivi sterili in questo contesto e in che modo la progettazione non rende necessaria la sutura. Inoltre, i materiali adesivi e flessibili (per il patch, la porta e la guaina di guida) rendono possibile questa proposta di design. Questi tipi di materiali intelligenti sono ora introdotti in un numero sempre maggiore di applicazioni, che danno un’idea del loro potenziale per l’assistenza sanitaria futura.

Che potremmo vedere un catetere simile sulle nostre ambulanze o negli ambienti più maggiormente a rischio? Vedremo! 

Fonte

Related posts

Gestione Infermieristica della CPAP

V2793

Gestione catetere vescicale: EBN

infermieritalia

Asma nel bambino

V2793

1 comment

Enrico 24 Aprile, 2019 at 15:16

Mah, credo che in situazioni di emergenza un’intraossea sia più indicata: minor rischio di emorragie fatali (specie se si prende un’arteria), minor rischio infettivo e di pneumotorace. Per il posizionamento di un cvc ci vogliono (se si è veloci) 2-3 minuti. Per un’intraossea 5-10 secondi utilizzando i presidi adeguati

Reply

Leave a Comment