Notizie Varie

Infermiere forense: chi è e quali sono gli ambiti lavorativi?

L’infermiere legale e forense, è sempre un infermiere a tutti gli effetti, ma a differenza della visione clinica dei colleghi infermieri che si trovano quotidianamente sul territorio e negli ospedali, quest’ultimo ha una visione panoramica lavorativa di tipo legale e forense.
Ciò significa che quest’ultimo applica le conoscenze scientifiche alla dimensione giuridica e legale dell’assistenza infermieristica studiandone gli aspetti concettuali, metodologici e pratici.
L’infermiere legale e forense è in grado di fare una valutazione dell’operato professionale sia degli infermieri che di tutti gli operatori sanitari non medici, allo scopo di valutare fatti penalmente e civilmente perseguibili, scaturiti da procedure infermieristiche o di assistenza, attuate con imprudenza, imperizia o inosservanza di leggi e regolamenti. Questi accertamenti sono volti soprattutto a determinare il nesso di causalità all’interno dell’azione, indispensabile per mettere in relazione la condotta dell’indagato con l’evento dannoso.

L’infermiere con il master nell’ambito legale e forense con specifica formazione trova il suo campo di azione:

  • Nell’ambito legale, nelle sale settorie in collaborazione con il medico anatomo patologo;
  • Riveste anche funzione di supporto al Medico legale nelle varie forme di responsabilità professionale, ognuno per propria competenza.
  • Nella valutazione sanitaria del Risk management presso le direzioni sanitarie essendo capace di analizzare le criticità assistenziali, per prevenire e ridurre l’incidenza degli errori e del contenzioso in sanità.
  • Per la stesura di progetti e la consulenza nella progettazione di cartelle infermieristiche;
  • L’infermiere forense trova impiego anche al pronto soccorso, con opportuna e ulteriore formazione all’assistenza e gestione delle vittime di stupri o violenze sessuali nel suo percorso psicologico, ostetrico, peritale e giudiziale.
  • Nell’ambito pediatrico nella assistenza e gestione dei minori, vittime di abusi;
  • Nell’ambito dei SERD in collaborazione con i medici del servizio, l’assistenza e gestione delle dipendenze da alcol, droghe e farmaci.
  • L’assistenza legale e sindacale ai colleghi, in collaborazione con avvocati, associazioni, sindacati;
  • Nell’ambito del territorio, funge la sua azione nell’educazione ed informazione sanitaria, con particolare riferimento al mondo della scuola ed alla prevenzione dell’abuso delle droghe.

Fonte: infermierelegaleeforense

Related posts

Campagna IPASVI contro l'abusivismo della professione

V2793

Enza, infermiera di Bergamo, nominata poliziotta ad honorem per la lotta al Covid

V2793

Laura, l'infermiera eroina che ha salvato il bambino colpito da un fulmine

V2793

Leave a Comment