Notizie Varie

ENPAPI: promosso bilancio 2016

Promossi a pieni voti i conti di Enpapi, l’Ente nazionale di previdenza e assistenza della professione infermieristica, in un contesto in cui le casse dei professionisti soffrono sempre di più. La fotografia scattata dalla Corte dei Conti sui numeri del 2016 fornirebbero garanzie anche per i prossimi decenni, viste le caratteristiche dei circa 43 mila infermieri iscritti, la cui età media è molto bassa, come giovane è del resto Enpapi, sorta nel 1998. Gli iscritti sono innanzitutto molto più numerosi dei pensionati (2.609 assegni erogati) e, soprattutto, sono professionisti in fertile età e desiderosi di prole tanto che il valore delle pensioni di vecchiaia equivale all’incirca a quello delle prestazioni di maternità (3 milioni contro 2,5). L’unica pecca è la crescita esponenziale dei crediti verso gli iscritti (252 milioni, in crescita del 22,3% rispetto al 2015) che rischiano di diventare la palla al piede delle prestazioni future tanto che la Corte raccomanda di provvedere al più presto e in maniera incisiva ai controlli e al recupero.
I risultati contabili più significativi che emergono dal bilancio dell’anno 2016 – come riferisce oggi un servizio del Sole24Ore Sanità – dimostrano come l’utile netto di esercizio, pari a 15,9 milioni di euro, sia più che raddoppiato rispetto al 2015 e il patrimonio netto si attesti su un valore pari a 60.9 milioni (+26,9%). La significativa crescita che si registra nel risultato di esercizio dell’anno 2016 è da attribuire, in buona sostanza, al maggior incremento registrato dai ricavi (+21,1%) rispetto ai costi (+14,6). Dai dati di consuntivo emerge inoltre che le entrate contributive sono in continua crescita. Sono passate dai 91,5 milioni di euro del 2015 ai 106,1 milioni del 2016 (+16%). Per la Corte il risultato “è da attribuire alla crescita degli iscritti (43.826 nel 2016) ma anche agli effetti delle riforme a carattere strutturale dell’Ente, con le quali sono state rimodulate, in aumento, tutte le tipologie di contributi”. In crescita, ma di gran lunga inferiori, le spese per prestazioni (in totale 2.609) pari a poco più di 9 milioni di euro (7,8 milioni nel 2015) .
“Le maggiori risorse finanziarie – scrive la Corte – sono state destinate ad aumentare gli investimenti in attività finanziarie (dai 468 milioni del 2015 ai 543 milioni del 2016). Tali investimenti hanno generato rendimenti netti oscillanti negli anni. Dopo la contrazione registrata nel 2015, in cui si erano attestati al 3,11 per cento, nel 2016 flettono ulteriormente, risultando pari al 2,67 per cento”.
 
Fonte: Ipasvi

Related posts

Brescia, 3 neonati morti in 7 giorni: bufera sull'ospedale

V2793

Più posti per laurea in Infermieristica: riconosciute necessità assistiti

V2793

Manifesto per la prevenzione: partecipano Infermieri, Farmacisti, MMG e Società scientifiche

V2793

Leave a Comment