News Oss

Glasgow Coma Scale: valutazione neurologica del paziente

La Glasgow Coma Scale, dall’inglese Scala del coma di Glasgow o Scala di Glasgow o scala GCS (nota anche in medicina come Glasgow Coma Score, “punteggio del coma di Glasgow”) è una scala di valutazione neurologica utilizzata per tenere traccia dell’evoluzione clinica dello stato del paziente in coma.
La scala di Glasgow è meno adatta ai bambini, specialmente sotto i 36 mesi di età, quando il piccolo paziente non ha ancora sviluppato una padronanza del linguaggio: per questo è stata messa a punto la Pediatric Glasgow Coma Scale, una versione modificata da applicare ai bambini più piccoli.
Un altro aspetto contestato alla scala è la mancanza di utilità prognostica. Molti lavori vengono tuttora pubblicati con nuove proposte di miglioramento della scala.

Glasgow Coma Scale
1 2 3 4 5 6
Apertura occhi Nessuna Allo stimolo doloroso Allo stimolo verbale Spontanea N/A N/A
Risposta verbale Nessun suono emesso Suoni incomprensibili Parla e pronuncia parole, ma incoerenti Confusione, frasi sconnesse Paziente orientato, conversazione appropriata N/A
Risposta motoria Nessuna risposta Estensione allo stimolo doloroso Anormale flessione allo stimolo doloroso Flessione / Ritrazione allo stimolo doloroso Localizzazione dello stimolo doloroso Obbedisce ai comandi

Ad ogni tipo di stimolo viene assegnato un punteggio e la somma dei tre punteggi costituisce l’indice GCS; in alternativa, tale indice può venire espresso in forma analitica (EVM) con i tre punteggi separati. L’indice può andare da 3 (nel caso E1 V1 M1) a 15 (nel caso E4 V5 M6).
Generalmente, le lesioni cerebrali sono classificate come:

  • Grave, con GCS ≤ 8
  • Moderata, GCS 9-13
  • Minore, GCS ≥ 14.

Related posts

Neonato rischia il soffocamento: salvato da un'OSS

V2793

Stipendio OSS: differenze tra Italia ed Europa

V2793

Trentino: stabilizzare gli 800 OSS che lavorano come precari

V2793

Leave a Comment