Procedure

Fornire assistenza per una sonda per gastrostomia

Quando l’alimentazione enterale è necessaria per un lungo periodo di tempo si può posizionare chirurgicamente una sonda enterostomica attraverso un’apertura creata nello stomaco o nel digiuno. A seconda della sede la definiremo Gastrostomia o Digiunostomia. L’inserimento di una sonda nello stomaco può essere effettuato da un chirurgo o da un gastroenterologo attraverso una gastrostomia endoscopica percutanea, conosciuta anche con l’acronimo di PEG. L’inserzione di una sonda PEG è usata spesso , al posto di una sonda inserita chirurgicamente in modo tradizionale perché non richiede l’anestesia generale. Per l’uso di una sonda PEG o di un altro tipo di sonda per gastrostomia è necessario che il tubo digerente sia intatto e funzionale. La cura della sede di inserzione è responsabilità dell’infermiere. I materiali utilizzati per questo tipo di procedura sono i seguenti:

  1. Guanti monouso non sterili;
  2. Equipaggiamento per la protezione individuale aggiuntivo se è indicato;
  3. Guanto di spugna, asciugamano e sapone;
  4. Applicatori cotonati;
  5. Soluzione fisiologica sterile;
  6. Garze, se necessarie.

Per quanto riguarda la procedura queste sono le azioni che dovrebbero essere eseguite:

  1. Raccogliere l’attrezzatura e verificare la prescrizione del medico curante. Eseguire l’igiene delle mani e indossare l’equipaggiamento per la protezione personale, se ci sono le indicazioni. Identificare il paziente.
  2. Spiegare al paziente la procedura e perché questo intervento è necessario. Rispondere a qualsiasi domanda che viene posta dal paziente stesso. Valutare il paziente per la presenza di dolore nel sito di inserzione della sonda. Se è presente dolore offrire al paziente i farmaci analgesici prescritti dal medico e aspettare il loro assorbimento prima di procedere alla cura del sito di iniezione.
  3. Chiudere le tende intorno al letto del paziente. Alzare il letto fino ad una posizione di lavoro comoda e, di solito, all’altezza del gomito dell’operatore.
  4. Indossare i guanti. Se la sonda gastrostomica è nuova ed ha ancora le suture che la mantengono in sede, immergere l’applicatore cotonato nella soluzione fisiologica sterile e pulire delicatamente intorno al sito di inserzione, rimuovendo ogni crosta o secrezione. Per i primi giorni dopo l’inserzione evitare di spostare o sollevare il disco esterno, eccetto che per la pulizia dell’area. Se la sede dell’inserzione della sonda è cicatrizzata e le suture sono state rimosse, bagnare un guanto di spugna o una salviettina e applicare sul guanto una piccola quantità di sapone. Pulire delicatamente intorno all’inserzione, rimuovendo qualsiasi crosta o secrezione. Sciacquare togliendo tutto il sapone.
  5. IMG_5952IMG_5953
  6. Asciugare intorno al sito di inserzione toccandolo delicatamente. Se le suture sono state tolte, ruotare delicatamente di 90 gradi la protezione esterna o l’ammortizzatore esterno almeno una volta al giorno. Controllare che la protezione o l’ammortizzatore non sprofondi nella cute circostante. Evitare di mettere in atto una tensione sulla sonda per alimentazione.
  7. IMG_5954
  8. Lasciare il sito aperto all’aria se non ci sono secrezioni. Se ci sono secrezioni bisogna mettere uno spessore di garza tagliata o una spugna per secrezioni sotto l’ammortizzatore esterno e cambiarlo quanto è necessario per mantenere l’area asciutta. Usare un protettore per la cute o una sostanza come l’ossido di zinco per prevenire le lesioni cutanee. Togliere i guanti, abbassare il letto e aiutare il paziente a trovare una posizione comoda.
  9. Togliere qualsiasi equipaggiamento per la protezione individuale aggiuntivo che sia stato usato. Eseguire l’igiene delle mani.

 
 
 
Fonte: Manuale di tecniche e procedure Infermieristiche di Taylor

Related posts

Iniezione sottocutanea

infermieritalia

Cartella Infermieristica: lo strumento che garantisce il processo assistenziale

V2793

Il prelievo da CVC: EBN

V2793

Leave a Comment