Casi Clinici Notizie Varie

Scoperta shock: lo aprono e trovano uno stuzzicadenti nel cuore!

La scoperta scioccante è stata effettuata in Argentina, quando il paziente si trovava in sala operatoria. I medici di un ospedale di Buenos Aires hanno rimosso uno stuzzicadenti dal cuore di un uomo che lo aveva ingoiato durante il pasto. Il paziente, 42 anni, è originario della provincia di Corrientes e soffriva da diversi mesi: febbre, perdita di peso e tosse con sangue. Ma i camici bianchi non riuscivano ad arrivare a una diagnosi. Così il paziente per 6 mesi è entrato e uscito dagli ospedali. “Non riuscivano a capire che cosa avessi. Dopo una serie di elettrocardiogrammi anomali, pensando che fosse un catetere” dimenticato dopo vecchi interventi, “mi hanno operato e hanno trovato lo stecchino“, ha raccontato il paziente, Horacio Rodriguez Videla, ai media. “Mi sentivo come una puntura nel cuore e hanno deciso che dovevano operarmi“. Così l’uomo è stato sottoposto all’intervento chirurgico presso l’ospedale Fernandez a Buenos Aires, dove i medici avevano scoperto in precedenza che era in corso un’infezione cardiaca. Dopo diversi mesi di trattamento l’infezione è stata curata ed è stato osservato che c’era un oggetto estraneo incastrato nel cuore, così l’intervento è stato deciso. Il corpo estraneo “può essere entrato nell’esofago o nella vena cava inferiore e poi da qui all’atrio destro che va dritto al cuore“, ha concluso il medico.

Related posts

Infermiere Bed Manager presente ormai in tutti gli ospedali dell'AUSL Toscana centro

V2793

Caltanissetta: Infermiera aggredita, bloccata una 30enne

V2793

Emergenza sanità, l'appello degli Infermieri: "Basta con le aggressioni"

V2793

2 comments

marco Dicembre 14, 2015 at 15:04

Dall’esofago dritto nel cuore???? da dove sarebbe passato scusate???

Reply
N2912 Dicembre 14, 2015 at 19:49

mi ponevo anche io la stessa domanda ca come hai potuto leggere dal’articolo la risposta del medico è stata la seguente:
“può essere entrato nell’esofago o nella vena cava inferiore e poi da qui all’atrio destro che va dritto al cuore”, ha concluso il medico

Reply

Leave a Comment