San Camillo Milano, FIALS denuncia: gli Infermieri non devono lavorare al posto dei Tecnici di laboratorio

4 Settembre 2018 0 Di V2793

La Fials, Segreteria Territoriale di Milano, denuncia, attraverso i suoi legali, “l’utilizzo sistematico ed abnorme, da parte della Casa di Cura San Camillo, di personale infermieristico in attività riconducibili alla professione di Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico con gestione diretta di procedure analitiche e di apparecchiature di laboratorio che esulano dalle competenze, dalla formazione, dalle responsabilità tipiche dell’infermiere, sprovvisto del necessario titolo abilitante di TSLB. Tale utilizzo prosegue nonostante le diffide già formulate dalla o.s. FIALS alla parte datoriale in nome e per conto del personale iscritto, dopo aver consultato in merito i relativi Ordini professionali interessati”, spiegano i legali in una lettera/diffida inviata alla Direzione Aziendale e, per conoscenza, alla Regione, alla Commissione Salute e all’Opi Milano, Lodi, Monza e Brianza.

I legali del sindacato chiedono, dunque, alla Direzione Aziendale
 “un incontro urgente sulla questione specifica, di primario impatto sul triplice piano della corretta gestione del contratto di lavoro, della salvaguardia della Salute e Sicurezza del personale coinvolto, delle possibili implicazioni di carattere penale connesse all’anomalo esercizio di una professione sine titulo specie nei riguardi di soggetti terzi”.

E “in attesa di tempestivo riscontro e si preannunzia”, annunciano che “in mancanza, il ricorso ai rimedi specifici di autotutela e di tutela tipica apprestati dall’Ordinamento in situazioni di abnorme utilizzo dei lavoratori in attività e mansioni estranee al profilo professionale di appartenenza, peraltro, nello specifico, senza la necessaria formazione ed abilitazione professionale legalmente imposta”.

Fonte