Botte e sputi a Infermieri e medici, notte da incubo in PS

21 Marzo 2019 0 Di V2793

I medici del Pronto Soccorso del Carlo Poma di Mantova volevano trattenere la moglie in osservazione per permettere l’esecuzione di ulteriori indagini diagnostiche e, viste le motivazioni di accesso al PS (tentato suicidio), per approfondirne le cause ma lui voleva che la dimettessero. A quel punto è nata una discussione accesa, degenerata in violenza prima verbale e poi fisica contro gli operatori del Pronto Soccorso.

Il marito della paziente, infatti, avrebbe iniziato ad inveire contro i medici per poi, vista la loro posizione, aggredirli con una stampella. Gli Infermieri, ovviamente, hanno chiamato le forze dell’ordine e, nel contempo, bloccato l’aggressore, ricevendo sputi, insulti e minacce dallo stesso.

Fortunatamente non ci sono state conseguenze gravi e l’uomo è stato trattenuto dalle forze dell’ordine, la moglie ricoverata in psichiatria e i medici si sarebbero fatti refertare per procedere ad una querela nei confronti dell’aggressore.