Notizie Varie

Giornata degli Operatori Sanitari: un minuto di silenzio per ricordare

Nel giorno dedicato agli operatori sanitari e socio-sanitari e del volontariato (il 20 febbraio, come da legge 155/2020) la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI), con oltre 454mila iscritti, si è rivolta a tutti gli infermieri inviando loro una lettera  in cui tra l’altro si chiede, nel rispetto delle norme anti Covid, un minuto di silenzio a inizio di ogni turno di lavoro per onorare la memoria di tutti gli operatori sanitari, non solo infermieri, e di tutti i cittadini deceduti per Covid.

Un’altra lettera, invece, è partita alla volta delle Associazioni di pazienti e cittadini che formano la Consulta FNOPI e rappresentano le persone per le quali gli infermieri sono in prima linea nella pandemia, non solo per assistere e curare, ma anche per non lasciare solo nessuno dalle corsie degli ospedali alle abitazioni dove quasi 400mila pazienti sono in isolamento domiciliare.

“E’ un momento particolare – si legge nella lettera – che vogliamo condividere con le altre professioni, con le organizzazioni di volontariato e in generale con tutti i cittadini, a cui abbiamo deciso di essere vicini, che vogliamo assistere e curare, con cui vogliamo avere una relazione di prossimità, e che non lasceremo mai soli”.

I decessi
Sono (per ora) 81 gli infermieri deceduti per Covid, di cui 6 suicidi (comunque contagiati), ma in realtà il numero di professionisti deceduti nel 2020 è ben maggiore: quasi 500 come hanno rilevato gli ordini provinciali, con un aumento di circa 100 rispetto alla media degli anni precedenti.
Anche tra questi moltissimi tra i più anziani e pensionati sono morti per Covid e la FNOPI li ricorda tutti, e per loro, come per tutte le altre vittime, è il minuto di silenzio, ma la legge dice per  onorarne il lavoro, l’impegno, la professionalità e il  sacrificio nel  corso della pandemia di Coronavirus nell’anno 2020” e quindi il loro ricordo resta nel cuore delle famiglie e di tutti gli infermieri come quello degli oltre 95mila cittadini che fino a oggi non ci sono più. L’andamento della mortalità rispecchia i picchi delle fasi pandemiche, ma mentre nella prima fase i decessi si concentravano quasi tutti a Nord, nella seconda sono purtroppo spalmati su tutto il territorio nazionale. Un’ulteriore dimostrazione del peso di Covid nei decessi è il paradossale calo in assoluto di circa un anno dell’età media dei deceduti: negli anni scorsi molti decessi erano legati all’età avanzata oltre che a patologie, nel 2020 sono stati legati alla pandemia e la maggior parte degli infermieri in prima linea è comunque mediamente giovane.

Tabelle mortalità infermieri Covid

I contagi
Gli infermieri sono la categoria professionale che conta il maggior numero in assoluto di contagi e anche a loro, come a chiunque è in prima linea, è dedicata la giornata e la lettera FNOPI. Fortunatamente, come ha evidenziato l’Istituto superiore di Sanità, i contagi tra gli operatori sono in diminuzione anche fino al 50% dopo le vaccinazioni. Secondo il dato INAIL, comunque, a dicembre 2020 gli infermieri contagiati sono l’84,4% di tutti gli operatori sanitari che hanno contratto il virus: circa 71mila tra i dipendenti (ma il dato ufficiale è al 31 dicembre e quindi sottostimato: la percentuale indicata da INAIL e applicata all’ultimo conteggio dell’ISS supera i 100mila contagi) a cui si aggiunge un’ulteriore percentuale di liberi professionisti non censita dall’INAIL che porta il totale dei contagiati a quasi 80mila nel 2020 a cui si aggiungono poi quelli del 2021.

Le percentuali di infermieri contagiati sono diverse nelle Regioni e si va dal minimo del 77,4% in Piemonte al massimo dell’89% in Molise tra gli operatori sanitari che hanno contratto il virus. Per loro e per tutti i cittadini, la FNOPI chiede al Governo, al Parlamento e alle Regioni di fare in modo che si possano accelerare le campagne vaccinali, considerando che gli infermieri, da sempre “vaccinatori” per eccellenza, possano essere messi nelle condizioni di agire in massa per la tutela della salute dei cittadini. E ricordano comunque che gli infermieri rappresentano, come sottolineano anche gli stessi cittadini-pazienti, la carta vincente per l’assistenza sul territorio.

Infermieri contagiati da Covid-19
Regioni% infermieri contagiati su operatori sanitari contagiati Numero assoluto infermieri dipendenti contagiati(al 31/12/2020)Numero assoluto infermieri non dipendenti (*) contagiatiTotale infermieri contagiati
ABRUZZO85,0%                   1.267190                  1.458
BASILICATA82,0%                        25187                      338
CALABRIA88,8%                        472260                      731
CAMPANIA88,3%                     4.116775                  4.890
EMILIA ROMAGNA84,5%                     5.940581                  6.522
FRIULI VENEZIA GIULIA79,5%                     1.506160                  1.667
LAZIO85,5%                     4.317868                  5.185
LIGURIA83,9%                     3.120256                  3.376
LOMBARDIA78,0%                   21.4761034                22.510
MARCHE88,0%                     1.137203                  1.340
MOLISE89,0%                           4059                      100
PIEMONTE77,4%                     9.257508                  9.765
PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO77,8%                        69084                      774
PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO84,6%                     1.23879                  1.317
PUGLIA86,3%                     2.200575                  2.775
SARDEGNA86,0%                     1.386219                  1.605
SICILIA88,4%                     2.426634                  3.061
TOSCANA82,5%                     4.145485                  4.630
UMBRIA86,9%                        411127                      538
VALLE D’AOSTA85,0%                        34117                      358
VENETO84,0%                     8.494637                  9.131
ITALIA84,4%                 70.3697.879              78.248
* Liberi professionisti, dipendenti da strutture private, dipendenti da altri enti
Fonte: elaborazione Centro Studi FNOPI su dati INAIL al 31 dicembre 2020 e Albo nazionale a febbraio 2021


Il Fondo di solidarietà
La FNOPI, perché il sacrificio degli infermieri e la loro dedizione professionale non fossero riconosciute solo a parole, ha lanciato e finanziato, a partire dall’aprile 2020, il fondo #NoiConGliInfermieri (www.noicongliinfermieri.org). Al fondo, patrocinato da più di 42 associazioni di pazienti e Società scientifiche, hanno contribuito oltre a singoli donatori, numerosi Ordini provinciali e Associazioni di pazienti, anche sette “grandi donatori”: TikTok, Barilla, Enel, Aperol, Abbvie, Soka Gakkai (Istituto buddista italiano), Chiesi Farmaceutici. Anche altre numerose e importanti realtà come Gruppo Fendi, Miroglio, Menarini, Starhotels, Nivea, Federazione italiana pugilistica, hanno scelto di sostenere in modo incondizionato gli infermieri. A tutti va il più sentito ringraziamento. Dei 4 milioni finora raccolti, oltre 2 milioni sono già stati devoluti agli infermieri contagiati (che hanno riportato importanti conseguenze) e alle famiglie dei deceduti. Le domande giunte alla Federazione sono più di 7.000 e finora sono stati erogati contributi per circa 1.000 richiedenti. Il progetto, inizialmente limitato al 2020, è stato prorogato almeno fino a giugno 2021.

Tratto dal sito istituzionale FNOPI

Related posts

Infermieri i più colpiti da violenza sugli operatori sanitari: le proposte FNOPI

V2793

Manovra 2020, bene il rilancio del SSN, ora gli Infermieri si aspettano di più

V2793

Saronno, islamico umilia Infermiera: "Abbassa lo sguardo, sei una donna"

V2793

Leave a Comment