Notizie Varie

Covid: gestire l’ansia grazie alle tecniche di respirazione

The American Holistic Nurses Association – AHNA, associazione che si occupa da quasi mezzo secolo a livello internazionale di infermieristica olistica, ha messo a punto numerosi strumenti ispirati alle cure complementari per il self-care degli infermieri.

Queste tecniche sono pensate per essere utilizzate anche durante i lunghi turni di lavoro, nelle pause o al cambio, al fine di promuovere il benessere degli operatori e prevenire il sempre più diffuso fenomeno del burnout.

Gli “strumenti di benessere”, tradotti in italiano, scaricabili dal sito dell’Associazione  sono dei suggerimenti semplici, basati su evidenze scientifiche, che illustrano alcune delle pratiche da poter attuare, per riuscire a mantenere un buon livello di salute psico-fisica.

Tramite queste tecniche anche gli infermieri italiani potranno riuscire ad attuare un processo di auto-aiuto, alleggerendo il carico emotivo e mentale tipico delle situazioni assistenziali complesse; un peso che abbiamo visto poter diventare, soprattutto durante le emergenze, difficile da sostenere.

L’ultima scheda tradotta nella nostra lingua riporta le istruzioni per praticare la tecnica della respirazione diaframmatica. Il termine prana (dal sanscrito प्राण, prāṇa) significa letteralmente «vita» e in seconda istanza viene inteso come «respiro» e «spirito». In oriente esso è considerato come energia vitale e per questo da sempre il respiro è stato studiato al fine di gestire al meglio la forza fisica e le emozioni. In occidente l’approccio scientifico molto più recente, ne ha confermato l’efficacia sulla regolazione sia a livello cellulare, attraverso il ciclo di Krebbs, che produce energia per il metabolismo cellulare, che a livello sistemico per l’azione di attivazione sul parasimpatico.

La respirazione come sappiamo è un processo fisiologico che possiamo controllare, e proprio sulla consapevolezza della respirazione si basano numerose tecniche di mindfulness (parola inglese che significa appunto consapevolezza e che fa riferimento ad un protocollo codificato di tecniche di meditazione MBSR) adatte a ricondurre la nostra presenza e attenzione al momento presente. Una di queste tecniche, riportata dallo strumento AHNA “respirazione per la resilienza”, spiega esattamente come attraverso la respirazione e l’osservazione del momento presente possiamo migliorare la nostra resilienza.

Scoprire come respirare per permettere alle emozioni di esistere senza farci condizionare e tornare lucidi in tempo reale, aumenta la padronanza di sé durante situazioni lavorative stressanti. La respirazione diaframmatica inoltre può essere facilmente insegnata anche alle persone che assistiamo e in particolare può essere utile, ad esempio, in situazioni relazionali ad alta intensità, e addirittura in caso di rischio di aggressione.

Durante l’emergenza Covid19, AHNA ITALIA ha rimodulato il suo progetto STARE BENE PER FARE BENE (che si basa sulla creazione di una rete nazionale di supporto di tipo auto-mutuo aiuto, per gli operatori impegnati nell’assistenza) in una proposta online, chiamata “Coaching Online – Per la salute degli Infermieri impegnati nel fronteggiare l’emergenza Covid19” patrocinata dagli Ordini Provinciali OPI di Asti, L’Aquila, Varese e Venezia.

Negli incontri online, sono state proposte – da infermieri specializzati in tecniche di coaching, counseling e naturopatia, meditazione e respirazione – alcune delle tecniche di respirazione per facilitare il rilassamento e l’espressione di emozioni negative e sensazioni sperimentate dai professionisti durante i tremendi giorni dell’emergenza sanitaria da Coronavirus.

In seguito a questa esperienza l’Associazione AHNA ITALIA ha ritenuto utile attuare un progetto di ricerca per conoscere e comprendere le esigenze di supporto emotivo degli infermieri.

Questo studio scientifico ha lo scopo di indagare e comprendere quali siano i motivi che portano i professionisti della salute ad accettare o meno un’offerta di aiuto, e su quale base.

Le opinioni degli infermieri verranno raccolte mediante un breve questionario, che è possibile compilare cliccando su questo link: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSd5DIScDrHIjQeh7PLX5PYT0QMzYx2L4Z3iOgIZimEoxetchA/viewform

Il progetto, già patrocinato dagli OPI di Arezzo-L’Aquila-Prato-Venezia, verrà diffuso attraverso i canali web e social dell’Associazione allo scopo di documentare scientificamente la consapevolezza degli infermieri italiani circa il proprio bisogno di salute, e per progettare in modo più adeguato nuove iniziative rispondenti alle esigenze di benessere della categoria.

Gli “strumenti di benessere”, tradotti in italiano, scaricabili dal sito dell’Associazione Italiana AHNA Italia (www.AHNA.it/strumenti/) – membro attivo della Consulta delle associazioni infermieristiche FNOPI – sono dei suggerimenti semplici, basati su evidenze scientifiche, che illustrano alcune delle pratiche da poter attuare, per riuscire a mantenere un buon livello di salute psico-fisica.

AHNA patrocina la raccolta fondi #NoiConGliInfermieri

Tratto dal sito istituzionale FNOPI

Related posts

Guerra, OMS: “Sature le medicine interne di mezza Italia”

V2793

Allarme Infermieri a Palermo, in oltre 600 hanno chiesto il trasferimento

V2793

Vitamina C in grado di uccidere il cancro: la scoperta

V2793

Leave a Comment