Notizie Varie

Ecco l’Ospedale di Comunità: buone notizie per i cittadini con gli Infermieri protagonisti

“L’aspetto più importante del nuovo documento sull’ospedale di comunità messo a punto da ministero della Salute e Regioni è che la gestione e l’attività sono basate su un approccio multidisciplinare, multi professionale e interprofessionale, in cui sono assicurate collaborazione e integrazione delle competenze”.

Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione degli Ordini degli infermieri (FNOPI), accoglie con estremo favore l’intesa Stato-Regioni sull’ospedale di comunità, anello di congiunzione tra ospedale per acuti e territorio, previsto già dal regolamento sugli standard ospedalieri, dal Patto per la Salute 2014-2016 e dal Piano nazionale della cronicità, ma non ancora attuato.

L’infermiere “jolly” del territorio

“Assieme all’infermiere di famiglia/comunità previsto e ufficialmente istituito nel Patto per la Salute 2019-2021, l’Ospedale di comunità è la chiave del buon funzionamento del nuovo modello di assistenza – afferma – che deve tenere in considerazione il peso sempre maggiore delle cronicità e, di conseguenza, la possibile necessità di interventi sanitari a bassa intensità clinica potenzialmente erogabili a domicilio, ma che sono ricoverati in queste strutture in mancanza di idoneità del domicilio e hanno bisogno di assistenza/sorveglianza sanitaria infermieristica continuativa, anche notturna, che non può essere garantita a casa del paziente”.

Multiprofessionalità per i bisogni dei pazienti

Secondo Mangiacavalli si rende finalmente chiara la suddivisione delle competenze tra professioni che devono necessariamente interagire per soddisfare i bisogni di salute dei pazienti: la responsabilità assistenziale spetta all’infermiere secondo le proprie competenze e l’assistenza/sorveglianza sanitaria infermieristica è garantita nelle 24 ore.

“Di questo – aggiunge – ringraziamo assessori e ministero che hanno voluto l’affermazione e la realizzazione di un modello davvero multidisciplinare, nel concetto di parità delle professioni, ognuna responsabile nelle sue proprie funzioni, ma tutte orientate al soddisfacimento dei bisogni del cittadino e alla miglior tutela della sua salute. E ringraziamo in particolare il ministro Speranza, che ha sollecitato l’approvazione del provvedimento dopo uno stallo solo politico che con organizzazione e qualità del servizio non aveva nulla a che fare”.

I livelli di responsabilità

La responsabilità gestionale-organizzativa complessiva sarà assegnata a una figura individuata anche tra le professioni sanitarie dall’articolazione territoriale aziendale di riferimento. Il suo compito sarà di svolgere anche una funzione di collegamento con i responsabili sanitari, clinici e assistenziali, e la direzione aziendale. “Su questo gli infermieri vorranno essere protagonisti”, afferma Mangiacavalli.

La responsabilità clinica invece è di un medico di medicina generale (pediatra di libera scelta se l’ospedale è pediatrico) oppure di un medico dipendente e le attività di coordinamento sono assicurate da un infermiere con funzioni di coordinamento per i moduli previsti per l’ospedale di comunità.

Un modello a gestione infermieristica

“E’ un modello a prevalente gestione infermieristica che se applicato sul territorio anche per altri meccanismi assistenziali (come ad esempio l’infermiere di famiglia e di comunità) – aggiunge – non solo rende più immediata la risposta ai bisogni di salute dei pazienti, ma è in grado anche di essere finalmente filtro e meccanismo di continuità tra territorio e ospedale che consentono cure sempre appropriate e accorciano sensibilmente anche le liste di attesa”.

L’infermiere case manager

La funzione dell’infermiere case manager, secondo Mangiacavalli, nulla toglie alle responsabilità cliniche dei medici e anzi sarà proprio l’infermiere in caso di necessità ad attivare il responsabile clinico della struttura.

Rapida applicazione: cronicità, invecchiamento e disabilità hanno bisogno degli infermieri

“Lavoreremo ora – conclude – per una rapida applicazione del provvedimento su tutto il territorio nazionale: il progressivo invecchiamento della popolazione (in Europa nel 2050, secondo l’ultimo dato Eurostat, gli over 65 saranno il 64,7% della popolazione); il progressivo aumento della cronicità, della disabilità e della non autosufficienza; l’aumento della domanda assistenziale, rispetto alla quale lo Stato nulla può, sia per problemi finanziari, sia per problemi organizzativi e gestionali; il progressivo aumento della forbice tra chi cura e chi ha bisogno di cura, lo richiedono. E questa e l’infermiere di famiglia/comunità sono le prime soluzioni al problema”.

Tratto dal sito istituzionale FNOPI

Related posts

Perché un infermiere potrebbe sostituire senza problemi un commesso di un centro commerciale nel giorno del Black Friday.

infermieritalia

Concorso Cosenza, consigliere regionale chiede più posti

V2793

Cercasi Infermiere per Ente Pubblico

infermieritalia

Leave a Comment