Notizie Varie

Crocerossine: "infermiere" senza laurea solo in Italia

Il “corpo speciale” delle infermiere volontarie della Croce Rossa italiana è una peculiarità tutta italiana. Solo la Croce Rossa in Italia offre una formazione specifica e attestato con la denominazione “Infermiera Volontaria”, con programmi e piani di studi (D.M. 09/11/2010) non conformi ai piani di studio individuati dal MIUR per il rilascio della laurea in Infermieristica.
La conclusione, nasce dalla verifica dei siti della Croce Rossa delle principali nazioni Europee, con particolare riguardo alle pagine sulla formazione dei volontari, tipologie e profili di arruolamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

La parola chiave è INFERMIERA nelle differenti lingue: nurse (inglese), sjuksköterska (svedese), verpleegster(olandese/belga), enfermera(spagnolo), sjuksköterska (svedese), Krankenschwester (tedesca), infirmière (francese).
Dall’analisi, l’elemento formazione dei volontari è presente e rilevante in ciascuna associazione. La locuzione di “Infermiere” per definire determinati volontari con formazione distinta, è esclusiva della Croce Rossa italiana, nelle Croci Rosse delle altre nazioni i volontari sono chiamati generalmente “soccorritori”, oppure “attori”, in Francia abbiamo ad esempio A.P.S., Attore di prevenzione e soccorso, con differenti formazioni in rapporto alla funzione d’interventi in ambito socio-sanitario ed educativo, come emergenza, trasporto in ambulanza, educazione, formazione, genio civile, protezione civile, raccolta sangue, ecc. .
 
Croci Rosse UE. Confronto tra la Principale offerta formativa per i volontari
 

Croce Rossa
 
 
Infermiere
Volontario
Corso con attestato
Infermiere
Laurea
Piano formativo
Universitario
Corsi Primo Soccorso
RCP
Corsi
Gestione
Disastri
Maxi-Emergenza
Corso
Ausiliari di ambulanza
Emergenza/
Trasporto sanitario
Corso
Per volontari
della raccolta sangue
Italiana x x x n.r. n.r.
Francese x x x x x
Inglese x x n.r. n.r.
Olandese x x n.r. n.r.
Belga x x x x
Austriaca x x x x
Svedese x x x x n.r.
Tedesca x n.r. n.r. n.r.
Spagnola x x n.r. n.r. n.r.

Legenda: n.r. = non rilevabile dal sito
La Svezia, la Spagna e la Francia offrono una formazione Universitaria per il profilo infermieristico completa di specializzazioni, master di primo e secondo livello, dottorati di ricerca e possibilità di redigere tesi di laurea di ricerca con stage e tutoraggio.
La Croce Rossa Svedese ha la sua Università della Salute e collabora anche con altre Università su progetti di dottorato, ad esempio attualmente sta cercando uno studente per un dottorato di ricerca nel profilo Global Nursinge un altro dottorato sul progetto Assistenza sanitaria per i richiedenti asilo.
La Cruz Roja (Spagna), ha la propria University School of Nursing, con 2 principali Università a Madrid e Siviglia. La scuola universitaria d’infermieristica a Madrid della Croce Rossa è tra le più antiche, ha iniziato la sua attività nel 1918 ed è assegnata all’Università Autonoma di Madrid, Maggiori informazioni: web dell’EUE a Madrid. La scuola infermieristica universitaria a Siviglia nasce nel 1946 ed la prima scuola di infermieristica fondata nel sud della Spagna, Maggiori informazioni: web dell’EU a Siviglia. L’università della Cruz Roja offre livelli di formazione professionale universitari e post-universitari, specialmente nelle aree infermieristiche dell’emergenza, infermiere d’ambulanza, cooperazione internazionale, management, educazione alla salute, ecc..
La Croce Rossa Francese offre formazione per la certificazione di professionisti sanitari (educatore, fisioterapista, infermiere, infermiere di sala operatoria, ecc.), in partnership con altre università. Ad es. per il Diploma di stato infermieristico, la durata del piano di studi è di 3 anni, equivalenti a 4200 ore, di cui formazione teorica di 2100 ore, 2100 ore di tirocinio clinico, più lavoro personale aggiuntivo stimato in circa 900 ore.
Le Croci Rosse in Gran BretagnaOlandaBelgioAustriaGermania, ricercano e reclutano esclusivamente sanitari, infermieri, medici, educatori, ecc., con tutte le loro specializzazioni certificate universitarie e/o professionali, per vari progetti, attraverso la valutazione del personale curriculum formativo e professionale. Spesso è richiesta una esperienza quinquennale lavorativa nel profilo professionale sanitario oggetto di ricerca. Interessanti le molteplici opportunità per i profili infermieristici offerti dalla Croce Rossa in Germania; riporto la richiesta di un posto per Infermiera specialista certificata/ infermiera in cure ambulatoriali presso il distretto di Duisburg Mitte-Süd e altri infermieri certificati per assistenti in casa di cura e come assistenti medici.
I dati mostrano, rispetto alla Croce Rossa Italiana, una particolare attenzione nelle Croci Rosse Europee, al riconoscimento e corretta definizione dei ruoli professionali sanitari.
I soccorritori volontari, ricevono adeguata formazione accreditata e di alta qualità in ciascuna delle Croci Rosse esaminate; ma solo in Italia esiste una formazione specifica che rilascia l’attestato di “infermiera volontaria”. Un attestato emanato con regolare Decreto del Ministero della Salute, che esula dai piani formativi universitari stabili dal MIUR. Nella Croce Rossa italiana operano come volontari, anche molti professionisti laureati infermieri e di altre discipline; ma l’organigramma e la costituzione di un “corpo di infermiere volontarie”, determina di fatto, una confusione di ruoli e funzioni.
Il corpo delle infermiere volontarie è abilitato, nell’ambito esclusivo dello svolgimento delle proprie mansioni nelle Forze Armate e della Croce Rossa Italiana, ad esercitare le attività proprie della professione infermieristica, Legge n° 108 del 3 agosto 2009, art. 3, comma 10.
La disposizione – art. 1737 del Codice dell’Ordinamento militare, sancisce: “il personale in possesso del diploma, equivalente all’attestato di qualifica di operatore socio-sanitario specializzato, esclusivamente nell’ambito dei servizi resi, nell’assolvimento dei compiti propri delle Forze armate e della Croce rossa italiana, è abilitato a prestare servizio di emergenza e assistenza sanitaria con le funzioni e attività proprie della professione infermieristica”.
Una legittimazione italiana ad hoc per la Croce Rossa, che deroga le funzioni di assistenza infermieristica in emergenza ad “altri operatori volontari”, che non ha nessun corrispettivo nel resto d’Europa.
Fonte

Related posts

ISTAT 2018: l'Italia sempre più un paese di "vecchi"

V2793

Infermiera aggredita nel parcheggio dell'ospedale: "Dammi i soldi o ti ammazzo"

V2793

Bando per la ricerca 2018: il Ministero mette a disposizione 95 milioni

V2793

Leave a Comment