Notizie Varie

Policlinico: branco di randagi mette in pericolo l'assistenza

Un branco di cani randagi sta terrorizzando medici e infermieri del Policlinico. Una situazione di estremo pericolo a cui i sanitari sono esposti, soprattutto di notte.
È la situazione denunciata da Marco Di Bartolo, rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e segretario aziendale Nursind. DI Bartolo ha presentato un esposto ai vigili urbani e all’Asp di Catania.
Diverse le segnalazioni pervenute fino ad ora. Il branco di randagi si muove soprattutto di notte, pronti ad attaccare chiunque possa disturbarli.
Il pericolo lo corrono principalmente i sanitari che, per motivi di servizio, hanno necessità di muoversi durante la notte tra un padiglione e un altro con il rischio di essere azzannati.

La denuncia del Nursind

“Il problema dei randagi -dichiara Di Bartolo – di giorno non si pone, probabilmente per il fatto che la mattina ed il pomeriggio utenti e sanitari sono già di loro molto più nervosi a causa della ricerca di parcheggio. Ma la notte, le segnalazioni negli ultimi mesi sono aumentate tanto da indurmi a chiedere l’intervento delle autorità preposte”.
Naturalmente, spiegano dal Nursind, la lotta non è contro i randagi, che di colpe ne hanno ben poche, ma contro il fenomeno del randagismo. Questo è il frutto della disapplicazione della legge regionale 15/2000, che dispone la sterilizzazione dei cani randagi.
Il Nursind lancia quindi un appello al sindaco, in qualità di diretto responsabile dei randagi che vagano sul territorio comunale, e alle associazioni animaliste presenti affinché si tutelino e si rispettino anche i diritti degli animali.
Fonte

Related posts

TAR Aosta: l’infermiera sarà ammessa al corso di fomrazione manageriale dei dirigenti SSN

V2793

San Giovanni Rotondo: pronto al debutto gli Infermieri robot

V2793

In UE una morte su tre sarebbe evitabile con cure adeguate

V2793

1 comment

Bruno Bani Agosto 30, 2018 at 15:21

Hanno mai morso qualcuno? Se si può rappresentare un problema altrimenti lascia il Sindacato e torna a lavorare.

Reply

Leave a Comment