Notizie Varie

Signore e Signori, vi presento il paramedico (quello vero)!

So bene che in Italia il termine “paramedico”, nella sua originaria accezione etimologica di persona che sta accanto (“para”, dal greco antico) al medico, è per gli infermieri come il rosso per il toro: li fa imbestialire.
Mi sono tuttavia reso conto, soprattutto nelle ultime settimane, che la maggior parte degli infermieri italiani è all’oscuro del fatto che nei Paesi anglosassoni la figura del paramedico (che da adesso in poi indicherò con il suo termine originale inglese paramedic) esiste davvero ed in UK costituisce una professione autonoma, con un proprio registro e percorso di formazione universitaria, altamente competitivo.
L’assistenza extraospedaliera ha una storia antica tanto quanto quella delle ambulanze, ma per molti decenni, ed in parte tuttora in alcuni Paesi (l’Italia, ad esempio, è spaventosamente arretrata nella legislazione in materia, va ammesso), l’evoluzione del ruolo dello specialista incaricato di prestare tale assistenza fuori dalle mura del’ospedale ha conosciuto una regolamentazione precaria e molto frammentaria, per cui chi lavorava sulle ambulanze era (e rimane spesso, purtroppo) semplicemente incaricato di recuperare il paziente e trasportarlo in sicurezza fino al Pronto Soccorso.
Negli anni Settanta, tuttavia, a partire dagli Stati Uniti e poi in tutti i Paesi anglosassoni, allo scopo di evitare l’intasamento dei Dipartimenti di emergenza, si avvertì l’esigenza di definire la figura del professionista incaricato dell’assistenza extraospedaliera e di affidargli compiti più ampi, fino a trattare il paziente nella sua stessa abitazione ed a NON trasportarlo in ospedale (cosa che oggi avviene, in UK, nel 40-50 % dei casi).
Nacque così la figura del paramedic, che ha sicuramente conosciuto nel Regno Unito, più di ogni altro Paese al mondo, l’evoluzione maggiore, poiché qui tale professionista non opera più necessariamente con il supporto del medico, ma può prendere decisioni in merito al trattamento ed alla cura del paziente, anche prescrivendo e somministrando farmaci ed eseguendo procedure invasive, in totale autonomia.
Ovviamente seguendo protocolli operativi predisposti in collaborazione con i medici (ogni riferimento alla attuale situazione italiana non è puramente casuale).
I paramedics operano all’interno di Trusts dell’NHS, ovvero di aziende inquadrate nel Servizio Sanitario Nazionale inglese, ma sono presenti soggetti privati che reclutano anche personale volontario, come il St. John Ambulance e la British Red Cross.

Il logo del London Ambulance Service, il più celebre Trust dell’NHS legato ai servizi di emergenza.

Svolgere l’attività di paramedic è estremamente stressante, soprattutto in grandi realtà metropolitane, recentemente interessate dai fenomeni della violenza giovanile e dal terrorismo, come Londra e Manchester: non lo si può nascondere, così come non si può trascurare il fatto che Trusts come il London Ambulance Service, uno dei più grandi al mondo con i suoi 4.500 dipendenti, trovano estrema difficoltà a reclutare nuovo personale e nel 2014, ad esempio, sono arrivati fino in Australia per reclutare 175 paramedics e supplire, almeno in parte, alle carenze di personale, che ammontano almeno a 2.000 unità su tutto il territorio inglese.

Ambulanze e paramedics impegnati a fronteggiare l’emergenza verificatasi a seguito degli attentati terroristici del 7 luglio 2005 a King’s Cross e Russell Square, Londra.

Gran parte del personale già impiegato, inoltre, pianifica, secondo un sondaggio risalente allo scorso anno, di lasciare l’NHS, sopraffatti dall’incredibile pressione e responsabilità della professione.
Tutto ciò, nonostante lo stipendio di un paramedic sia spesso superiore a quello di un infermiere.
A seguito di un nuovo contratto collettivo stipulato nel 2016, infatti, tutti i paramedics la cui job description (i loro incarichi) combaciasse con le competenze richieste nel band 6, sono stati inseriti in questa nuova fascia, con un salario minimo annuo conseguentemente aumentato da circa 22.000 a 26.500 sterline annue.
Per tutti i neoassunti, inoltre, si è prevista una permanenza massima di due anni nel band 5 prima di essere automaticamente promossi nel band superiore.
Ovviamente queste cifre non considerano turni notturni e festivi ed il bonus per chi risiede a Londra.
Tornando al profilo professionale, la formazione universitaria di questo professionista è articolata in corsi che vanno sotto la denominazione di “Paramedic Science Degree”. Hanno una durata triennale e sono abilitanti alla professione, che però può essere esercitata solo previa iscrizione presso l’HCPC, Health and Care Professions Council.
Sono ovviamente previsti corsi avanzati e specializzazioni, spesso predisposte dagli stessi Trusts, fino a conseguire la qualifica di specialist, advanced o consultant paramedic, con competenze (e stipendio) molto più elevati.
Le analogie con la figura infermieristica, dunque, sono evidenti, e trovano ulteriore conferma nel fatto che anche il paramedic si giova del supporto di figure ausiliarie, quali:
– l’ambulance care assistant/patient transport service driver, ovvero l’autista di ambulanza;
– l’emergency care assistant, paragonabile all’Oss extraospedaliero, in grado però di controllare sanguinamenti, di trattare ferite e fratture, nonché di usare il defibrillatore semiautomatico;
– il call handler/emergency medical dispatcher, che riceve le chiamate e dispone il mezzo di trasporto (ed il personale) adeguato a gestire una determinata emergenza.
I paramedics inglesi ed i loro mezzi si incontrano per le strade ed i luoghi pubblici di Londra quasi una volta al giorno e sono ampiamente riconoscibili per la loro uniforme verde scuro, mentre l’arrivo dei mezzi si avverte distintamente per la straordinaria intensità sonora della loro sirena (non chiedetemi il perché) e per i “battenburg markings”, la tipica scacchiera giallo-verde altamente riflettente.

Paramedici impegnati nel trasporto di un paziente.

I servizi di emergenza, ovviamente, non si servono solo di ambulanze attrezzate, ma operano anche attraverso automediche, elicotteri (famoso il London Air Ambulance, presso il quale ha prestato servizio, in più occasioni, anche il Principe William) moto e perfino biciclette, a seconda delle caratteristiche e del luogo in cui si verifica l’incidente: non a caso, requisito indispensabile per l’assunzione in un Trust (ma spesso anche per l’ammissione ad un corso universitario) è l’aver conseguito una patente di guida e l’aver guidato in UK (dove, non dimentichiamolo, ha la precedenza chi guida sulla corsia sinistra) da almeno due anni.

Una tipica ambulanza del London Ambulance Service.

Ambulanza a sirene spiegate.

Un elicottero del London Air Ambulance, fotografato (presumo) dall’ampia piattaforma del tetto del Royal London Hospital.

Paramedici in pausa sulle moto in loro dotazione.

 

Una bicicletta del London Ambulance Service.

Va sottolineato, comunque, che i paramedics non prestano la loro attività esclusivamente sui mezzi di trasporto, potendo essere impiegati anche nei Dipartimenti di Pronto Soccorso (A&E), negli ambulatori del medico di famiglia (GP Practices), oppure in altre strutture extraospedaliere, come i punti di primo soccorso (Urgent Care Services).
Veniamo ora alla parte dolente, almeno per i professionisti italiani.
Ritorniamo sulle competenze e responsabilità avanzate e specialistiche degli specialist, advanced e consultant paramedic.
Queste figure, a seconda del titolo acquisito, possono prescrivere e somministrare autonomamente, secondo protocolli, più di 60 farmaci, tra cui l’adrenalina, l’amiodarone, eparina, morfina, naloxone, midazolam ed ovviamente ossigeno ed entonox (miscela costituita in egual misura da ossigeno ed ossido di diazoto con effetti anestetici e sedativi), ma anche farmaci non impiegati in emergenza, come antibiotici e steroidi.
I paramedics esperti possono inoltre arrivare ad eseguire procedure di intubazione endotracheale, di cricotirotomia (ovvero, in termini “profani”, di apertura di un foro tracheale per consentire l’ossigenazione) con ago, toracentesi con ago, incannulamento intraosseo, trombolisi, defibrillazione senza impiego di macchinario semiautomatico.
Un elenco di competenze da far impallidire professionisti esperti di tutto il mondo.
Possono diagnosticare un infarto con elevazione del tratto ST ed inviare il paziente ad effettuare un intervento di angioplastica senza transitare dal Pronto Soccorso.
Lo stesso dicasi nell’evenienza di un ictus (denominato stroke in inglese), come si evince dal video seguente, nel quale si spiega, peraltro (provate ad usare i sottotitoli per comprenderlo meglio), che, seguendo un protocollo nazionale che abilita i paramedici a bypassare il Pronto Soccorso, ha ridotto i tempi per l’effettuazione di una TAC d’urgenza si sono ridotti da 60/90 minuti a 30/40.
http://[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=bIbXxbJwGxM&w=320&h=266]
Considerato, come spiega un medico nel video, che ogni minuto, durante un ictus, muoiono due milioni di neuroni, le probabilità di pieno recupero per un paziente raddoppiano, grazie a questa nuova metodologia di gestione dell’assistenza extraospedaliera.
In molti, nel nostro Paese, lottano da anni per la promozione delle competenze avanzate e specialistiche dell’infermiere in molti ambiti, ad iniziare da quello dell’assistenza extraospedaliera. L’esempio probabilmente più famoso è quello del movimento Noisiamopronti, di recente costituitosi in Associazione nazionale.
Volendo muovere una concreta e significativa proposta in tale direzione, si potrebbe allora pensare di istituire e regolamentare anche in Italia la figura del paramedic, plasmandola proprio sul modello inglese (magari scegliendo un nome differente, che non abbia la stessa accezione negativa) e scegliendo secondariamente se inquadrarla istituzionalmente come specializzazione dell’infermieristica – all’interno dell’area critica – o come disciplina autonoma, con Albo e Ordine (non Collegio!) indipendenti.
Mettiamo da parte il patrio orgoglio e non vergogniamoci di scopiazzare: non dimentichiamoci che il Servizio Sanitario Nazionale, nel 1978, fu istituito proprio prendendo l’NHS come riferimento.
Auspico con tutto il cuore che tale evoluzione possa presto avvenire, superando le resistenze della classe medica (e – ahimè – anche della politica e dell’opinione pubblica) e ponendo fine all’odierna situazione di estrema incertezza sul chi, tra volontari, Crocerossini ed infermieri del 118 possa fare cosa nel contesto extraospedaliero, incertezza di cui, ovviamente, i pazienti sono sempre le vittime innocenti.

Related posts

Infermieri precari del Lazio: "Occorre un censimento per tutte le ASL"

V2793

Cecchi Paone a Barbara Mangiacavalli: "La professionalità degli infermieri è da ammirare"

V2793

Arrestati i vertici ENPAPI

V2793

2 comments

Luca Alfatti Giugno 25, 2018 at 19:10

Post molto interesante e devo dire ben ricercato. Io sono un Senior Paramedic in centro a Manchester e come da articolo sicuramente lavoriamo sotto molto stress.
A me piacerebbe moltissimo poter tornare a vivere in Italia e lavorare come Paramedic, ma al momento non c’è possibilità anche per il fatto che la mia sia una laurea da Paramedic in Inghilterra non riconosciuta in Italia.
Sarei interessato a prendere contatti con professori universitari, dottori e infermieri di ambulanza che avrebbero interesse a saperne di più sul percorso scolastico dei paramedici nei UK.
Grazie.

Reply
Enrico Ottobre 3, 2020 at 01:48

Ciao Luca, ho letto il tuo post proprio ora mentre sono al lavoro, io lavoro in svizzera e sono un infermiere specialista e docente.
Mi piacerebbe molto confrontarmi con te; spero ti possa arrivare questo mio post e di poterti sentire per meglio comprendere il tuo percorso e perché no, creare un ponte tra varie realtà formative e lavorative.
A presto un caro saluto
EC

Reply

Leave a Comment