Notizie Varie

Aggressione in ospedale: IPASVI Torino scrive all'ASL

Il Collegio provinciale Ipasvi di Torino, presieduto da Maria Adele Schirru, ha inviato una lettera (in allegato) alla direzione della Asl Torino 4 dopo l’aggressione avvenuta nel cortile interno dell’ospedale locale ai danni di un infermiere.
“Il fatto – scrive Schirru – riporta alla ribalta un problema già recentemente sottolineato dalla Federazione Ipasvi di cui il nostro Collegio fa parte: quello della violenza sugli operatori, sui rischi che essi corrono nello svolgimento della loro professione e, comunque, nel momento in cui devono accedere alle strutture sanitarie di cui fanno parte per garantire l’assistenza”.
Si tratta della terza aggressione in pochi mesi nel distretto di Chivasso, Ivrea e Ciriè. La Federazione Ipasvi e tutti i Collegi provinciali hanno già espresso una posizione netta contro la violenza sugli operatori. Il documento approvato dalla Federazione ritiene prioritaria l’istituzione di un Osservatorio nazionale articolato in tutte le Regioni sul fenomeno della violenza negli ambienti di ricovero e di assistenza che indichi la strada e gli strumenti per controlli rigorosi e continui con la possibilità di effettuare interventi immediati e decisi a tutela degli operatori. Tutto ciò dovrà consentire un’efficace informazione, formazione e promozione in materia di sicurezza dell’attività di cura e tutela della salute mettendo in campo le strategie necessarie alla valutazione del rischio, anche attraverso la collaborazione tra istituzioni pubbliche diverse, monitorando i dati relativi a strutture e presidi sanitari considerati a rischio.
“Per poter realizzare queste necessarie innovazioni ed elaborare la migliore strategia di tutela dei propri professionisti, che nelle strutture a rischio rappresentano comunque oltre il 50% degli operatori, la Federazione e i Collegi provinciali dichiarano la propria disponibilità a collaborare con le istituzioni sia a livello centrale che locale per contrastare e sconfiggere il fenomeno in argomento. In questo senso il Collegio Ipasvi di Torino è pronto a partecipare con proposte pratiche e subito realizzabili al tavolo di crisi previsto dalla Regione”, conclude la lettera indirizzata alla Asl, formalizzando poi una richiesta di convocazione urgente dei rappresentanti Ipasvi perché possano studiare con i responsabili dell’azienda misure utili a evitare la possibilità che episodi di violenza ai danni degli operatori sanitari possano ripetersi.
 
Fonte: Ipasvi

Related posts

Tesi di laurea: premio Giovanna Bollini al Niguarda

V2793

Concorso Alessandria ed Asti: pubblicato il bando, il giorno dopo revocato

V2793

Salerno, denuncia NURSIND: "Infermieri costretti a fare il lavoro dell'OSS"

V2793

Leave a Comment