Notizie Varie

Il ruolo centrale dell'infermiere in diabetologia

Un nuovo modello di assistenza sanitaria che si concentra su un ruolo sempre più importante per gli infermieri all’interno delle cure primarie è associato ad un più alto assorbimento del trattamento con insulina nei pazienti con diabete di tipo 2, lo segnala uno studio pubblicato su BMJ oggi.
Entro il 2030, quasi 600 milioni di persone avranno il diabete di tipo 2, di conseguenza, l’innovazione nella fornitura di efficaci cure cliniche per i pazienti con diabete di tipo 2 è una priorità globale urgente.
Le linee guida nel Regno Unito, Stati Uniti ed Europa raccomandano una rapida adozione di un trattamento con insulina per migliorare i risultati sul lungo termine. Tuttavia l’inizio di insulina viene spesso ritardato, in particolare nelle cure primarie, a causa di ostacoli nella pratica clinica.
Un team di ricercatori, guidato da John Furler presso l’Università di Melbourne, ha valutato i risultati circa attuazione nel “potenziamento” del modello di assistenza che si concentra su come affrontare alcune delle barriere viste in pratica clinica , permettendo agli infermieri di governare e gestire l’inizio del trattamento con insulina tra i pazienti all’interno della pratica come parte di cure di routine.
Focalizzando l’attenzione su un maggiore ruolo per la formazione alla pratica infermieristica, chi è addestrato e ha come mentore un infermiere professionale con credenziali di educatore del diabete, riceve un  modello che utilizza le risorse esistenti all’interno della pratica, nel tentativo di migliorarne i risultati.
I pazienti arruolati per lo studio sono stati suddivisi in due gruppi: uno in cui nel quale avevano consultazioni con l’infermiera esperta di pratica diabetica come parte del Modello Stepping Up, l’altro in cui i pazienti ricevevano il protocollo sanitario tradizionale. Per un totale di 266 pazienti in tutta l’Australia.
I risultati mostrano il modello è stato associato a tassi significativamente più elevati di pazienti che avevano iniziato la iniziazione con l’insulina 105/151 (70%), rispetto a 25/115 (22%) nelle pratiche di controllo.
Dopo 12 mesi, i pazienti avevano significativamente migliorato livelli di HbA1c (una misura importante per rilevare il controllo del glucosio nel sangue), che è associato a migliori risultati nel lungo termine, come ad esempio aliquote ridotte di complicanze renali e agli occhi, rispetto al gruppo di controllo.
Gli autori fanno notare lo studio può essere soggetto a bias di selezione, ed i pazienti sono certamente rappresentativi di tutte le persone con diabete.
Tuttavia, si dice “i nostri risultati indicano che, con il supporto e la riprogettazione nella pratica di sistema del caso, l’iniziazione all’insulina può diventare parte della gestione del diabete di routine nelle cure primarie, ovviando alla necessità di fare riferimento a servizi specialistici con problemi legati abarriere geografiche, costi e accessibilità. ”
“Il nostro, studio pragmatico e traslazionale ha importanti implicazioni per i responsabili politici, i finanziatori, e professionisti alla ricerca di metodi innovativi per fornire la migliore assistenza alle persone con diabete di tipo 2 in cure primarie “, concludono.
 
Fonte: ilmiodiabete.com

Related posts

Coronavirus: 30 Infermieri formati e pronti per l’attività negli aeroporti

V2793

Tor Vergata tra le eccellenze mondiali per la formazione infermieristica

V2793

Ospedale Niscemi: aggrediti Infermieri e Medico, Pronto Soccorso sfasciato

V2793

Leave a Comment