Sgarbi in radio: “Di Maio può fare al massimo l’infermiere”

Un fulmine a ciel sereno lanciato da un personaggio che conosciamo tutti non solo per la sua cultura e preparazione ma anche per le sue scenate in televisione. Vittorio Sgarbi, invitato lunedì 29 Gennaio a Radio 105 per discutere sull’attuale situazione politica italiana e sulle prossime elezioni, si è lasciato scappare una frase che sicuramente farà imbestialire la comunità infermieristica tutta. Sgarbi, in trasmissione, ha cominciato ad esprimere la sua opinione sul Candidato 5 Stelle, Luigi Di Maio, affermando, inizialmente: “Io posso fare il parlamentare e, questo, può farlo anche Di Maio. Ma lo stesso di Maio candidato a Presidente del Consiglio? Io sono candidato a Ministro dei Beni culturali che, rimane un’ipotesi ma, in vista di un futuro governo, un’ipotesi sensata. Lui che titoli ha per fare il presidente del Consiglio? Cosa ha fatto in tutti questi anni?

A quel punto, conoscendo bene il personaggio, possiamo solo immaginarci come si sia calato nella parte e abbia addirittura rincarato la dose, affermando che Di Maio è soltanto un “parassita” e che al massimo potrebbe fare il “cameriere” o il “reggicalze“. Ma, purtroppo per noi, non è finita qui perché il critico d’arte si lascia sfuggire una dichiarazione che va a sminuire la nostra categoria in primis ma anche il nostro lavoro, quasi considerandolo come uno dei peggiori che possa essere fatto.

Sgarbi, infatti, ha detto: “Alla sua età (30 anni, ndr) può fare il Presidente del Consiglio? Che so, può fare al massimo l’Infermiere“.

Ne ha parlato come se fare questo lavoro significhi non essere preparati, come se la nostra professione non sia una professione intellettuale e come se i riconoscimenti (ottenuti almeno sulla carta) non contassero a nulla.

One Response

  1. Giuseppe strati 31 gennaio 2018

Lascia un Commento

contatore