Scandalo Bosnia, venduti diplomi di laurea per Infermieri a 1200 euro

Un diploma rilasciato da una scuola tecnica secondaria per le professioni sanitarie, lasciapassare per mestieri importanti come l’infermiere. Per ottenerlo servono anni di studio, fatica e impegno. Ma ci sono delle scorciatoie, illegali, per i furbetti. Che possono pagare poco più di 1.200 euro e mettere così in tasca l’agognato pezzo di carta in pochissimi giorni.

È lo scenario scandaloso emerso in questi giorni, in Bosnia, grazie a un’inchiesta del portale Zurnal. Il quale dopo una soffiata ha spedito in incognito – con telecamera nascosta – una giornalista che si è finta studentessa a indagare su una scuola privata di Sanski Most, nel nordovest del Paese, dove i rumor parlavano di diplomi professionali venduti al miglior offerente. Era vero. Dopo aver fatto domanda all’istituto poco prima di Natale, già il 3 gennaio la giornalista aveva in mano l’agognato diploma, con annessi ottimi voti, a riprova del fatto che candidata aveva con superato con successo test in «anatomia e fisiologia, igiene, microbiologia, psicologia medica, malattie trasmissibili, patologia clinica, chirurgia, farmacologia». Il tutto in soli «17 giorni», ha calcolato lo Zurnal. È un diploma dal valore importante, dato che è riconosciuto «in tutta la Bosnia e nell’Ue». E dunque è un viatico per trovare un lavoro, ben pagato, all’estero: una questione seria, vista i numeri attuali dell’emigrazione dai Balcani verso la Ue.

Fonte

Lascia un Commento

contatore